The Switch Countdown – Buon compleanno, Switch!

Esattamente un anno fa, il 3 marzo 2017,  usciva nei negozi di tutto il mondo l’ultima console di Nintendo nota a tutti con il nome di Switch.

Switch rappresenta per Nintendo il tentativo di creare un ibrido portatile/casalingo capace di seguirci fuori casa come già sapevano ben fare le console delle serie Nintendo DS e di fornire allo stesso tempo una macchina per l’uso domestico nel tentativo di risollevarsi dopo gli insuccessi avuti con Wii U, specialmente se confrontati con i dati di vendita della precedente Wii.

Abbiamo tanto parlato in numerosi articoli di Nintendo, della sua capacità di reinventarsi continuamente (vedi l’imminente Nintendo LABO) e di quanto il supporto di software house esterne sia decisamente importante e non trascurabile, Nintendo sembra aver guardato dentro di sé, riconosciuto i suoi errori e passi falsi, e aver deciso di impegnarsi come solo lei sa fare per creare qualcosa capace di stupire il mondo dei videogiochi, una console non più potente delle altre, non più grande e nemmeno con la risoluzione più alta. Una console piccola, caratterizzata da dei controller altrettanto piccoli ma capace di catturare l’attenzione, di rendere ogni titolo a suo modo magico, di aggiungere una sorta di Switch Factor a ogni gioco (originale o meno) uscito su questa macchina.

Se nei precedenti countdown abbiamo presi in esame alcuni dei titoli più rappresentativi che hanno reso speciale questo primo anno, in questa parte conclusiva vogliamo redigere una sorta di podio, senza primi posti ma con tre vincitori di rilievo: una classifica risulterebbe infatti troppo personale, le esperienze di gioco sono decisamente diverse da persona a persona ma da amanti dei videogiochi non possiamo assolutamente non parlare di tre titoli che hanno segnato questo splendido anno in compagnia di Nintendo Switch.

Nintendo Switch

Quindi prima di lasciarvi ai titoli vogliamo fare un augurio a Nintendo, e in particolare ovviamente a Switch: un augurio di una vita ricca di successi e di titoli capaci di farci emozionare, di giocare insieme agli amici, di ridere e, perché no, di farci commuovere e piangere come solo la casa di Kyoto sa fare.

 

1 2