Assassin’s Creed Origins, guida alla sfida di Sekhmet (Prova degli Dèi)

La terza Prova degli Dèi di Assassin’s Creed Origins è finalmente disponibile. In uno scontro tra le desertiche e ondulate dune del Desheret, stavolta dovremo scontrarci con Sekhmet, Dea della Guerra e del Fuoco.

In questa guida vi spiegheremo come affrontare la dea leonina e ricevere il Protettore di Tombe, uno scudo leggendario di livello 40 e penultimo pezzo del set degli Dèi, che possiede un’alta resistenza agli attacchi mischia e a distanza, e addormenta il nemico a ogni parata riuscita.

Dovrete necessariamente installare la patch di dicembre, altrimenti sarete impossibilitati ad affrontare la sfida. Il livello consigliato è come sempre 40, ma potrete anche tentare la sorte anche al livello 38, sebbene la feroce divinità sia incredibilmente difficile da affrontare rispetto ad Anubi e Sobek.

Consigliamo di utilizzare archi e armi da mischia in grado di ripristinare vita a ogni colpo o morte. È vivamente consigliato un set che permette movimenti veloci, quali spade normali e doppie lame. Un’ascia o un maglio sono poco pratici per questa prova.

A differenza delle precedenti sfide, l’arena di Sekhmet è in pieno Desheret, quindi non ci sono punti di viaggio rapido vicini. Il consiglio è di usare il punto di Viaggio Rapido a sud-ovest di Ermopoli e proseguire a cavallo. La sfida è a ovest della Tomba di Seth-Anat. A 50 metri di distanza la magnifica divinità uscirà fiammeggiante dalle dune.

Ecco come sconfiggere Sekhmet.

Step 1

La prima fase prevede colpi a distanza contro la dea. Obiettivo è il cuore luminoso al centro del petto e potremo solo colpirla con frecce di qualsiasi tipo. Se doveste terminare le frecce, vi basta girare per l’arena e raccogliere i sacchetti sparsi.

La prima fase prevede due attacchi, uno più facile da evitare e un altro temibile. Il primo consiste di un cerchio di fuoco nel quale la dea cercherà di intrappolarci. Per evitare di prendere danni da fuoco, basterà fuggire dall’anello prima che si attivi o attendere che si spenga in caso non aveste fatto in tempo. Questa seconda opzione tuttavia è assai sconveniente a causa del secondo attacco.

Il secondo attacco di Sekhmet per questa fase è un raggio di luce proveniente dalla corona della dea. Questo dopo pochi secondi comincerà a inseguirvi: l’unica tattica per evitare di perdere mezza barra di vita a volta, è quella di correre a gambe levate senza cambiare mai direzione.

Step 2

Il secondo step prevede il combattimento corpo a corpo contro cinque seguaci con l’armatura di Sekhmet. La vita del boss si sarà ridotta di un ottavo, e a ogni uccisione la sua vita diminuirà.

I seguaci sono dotati di spada tradizionale, e il loro comportamento è quello di un soldato esperto. I nemici sono veloci quanto basta da circondarvi e mettervi alle strette, per questo motivo sono fondamentali armi a cadenza veloce per evitare di rimanere scoperti dopo un attacco. L’uso di attacchi Ultra va adeguatamente ponderato.

Come se non bastassero i mob, Sekhmet ci tormenterà con il suo raggio solare. Fortunatamente, i danni di questo attacco potranno essere subiti anche dai nemici, quindi sfruttarlo potrebbe essere una buona occasione per farli fuori.

Step 3

Seconda parte a distanza. A questo punto ci troveremo ad aver rimosso un quarto di vita al boss: oltre ai due attacchi della prima fase, Sekhmet ci sorprenderà utilizzando delle palle di fuoco. Queste occuperanno una linea di spazio che potrete schivare facilmente grazie alla loro direzione prefissata.

Assassin's Creed Origins - Sekhmet

Step 4

In questa fase ricompariranno i mob. Non ci saranno sorprese dai seguaci di Sekhmet, ma la dea ci infastidirà con il solito raggio e quattro palle di fuoco. Prestate attenzione a non perdere punti vita fondamentali per il prosieguo della sfida.

Step 5

Siamo oltre la metà del combattimento, con un ritorno alla fase a distanza. Qui, Sekhmet ci farà qualche sorpresa. Oltre al classico cerchio di fuoco, dovremo evitare un totale di sei sfere di fuoco. Non solo: il raggio solare stavolta è sdoppiato, con doppi danni. Cercate di evitare di incassare troppi colpi per procedere alle ultime fasi.

Step 6

Siamo quasi arrivati alla fine. Questo step prevede il ritorno dei mob, ma stavolta farà la comparsa un bruto con mazza pesante. Eliminatelo velocemente con una Ultra e sbrigatevi a eliminare gli altri quattro: stavolta la dea si divertirà scagliandovi quattro palle di fuoco e il raggio solare sdoppiato.

Step 7

Un quarto di vita vi separa dall’agognata ricompensa. Non ci saranno altre sorprese per questo finale, dovete solo continuare a riempire di frecce il cuore della dea fino a quando non crollerà.

Nel caso in cui non abbiate completato la prova precedente, otterrete la prima arma del set che vi manca. Ad esempio se non siete riusciti a vincere la sfida di Sobek, pur sconfiggendo Sekhmet otterrete l’arma del Dio delle Acque egizio.