Capcom ha da subito voluto cambiare le carte in tavola con Resident Evil 7. L’obiettivo era far tornare la serie ai fasti di un tempo e, per farlo, non solo è stato cambiato drasticamente il gameplay, ma è stato aggiunto anche il supporto al nuovo visore di Sony, PlayStation VR.

Questa combinazione sembra essere vincente già in partenza, e ne è convinto anche Jun Takeuchi di Capcom, che ha espresso le sue considerazioni nel corso del report annuale riservato agli investitori dell’azienda:

“Ho lavorato con questa serie sin dai primi capitoli e ho grandi aspettative per il futuro”, ha esordito Takeuchi. “Sono molto entusiasta di questo settimo capitolo. Il 2016 sarà l’anno del VR e stiamo puntando molto su questa piattaforma per creare un gameplay unico e innovativo, che permetterà a Resident Evil 7 di dominare il mercato. Non sarà semplice, ma abbiamo accettato questa sfida e siamo motivati”.

Voi cosa ne pensate? Siete rimasti colpiti dalla demo di Resident Evil 7 o avreste preferito un approccio diverso e più in linea con la tradizione della serie?