Below

Below

Un viaggio negli abissi oscuri creati da Capybara Games su PC e Xbox One.

Così come è stato per Ashen, lanciato soltanto pochi giorni fa su Xbox Game Pass, anche Below non ha vissuto degli anni semplici prima di vedere finalmente la luce e arrivare su PC e Xbox One. Le prime informazioni e annunci sul gioco erano arrivati già nel lontano 2013, ma poi, per un po’ di tempo, del progetto di Capybara Games se n’erano perse le tracce.

A cinque anni dall’annuncio ufficiale, abbiamo potuto finalmente mettere le mani sul gioco della software house canadese per raccontarvi la nostra esperienza in questa recensione completa del titolo che, lo ricordiamo, fa parte del catalogo di Xbox Game Pass e può essere scaricato in veste del tutto gratuita dagli abbonati al servizio.

Below
Il mondo di Below è cupo e desolato, ma l’impatto artistico è notevole.

SCENDI NELL’OSCURITÀ

È soltanto dopo averci speso diverse ore – ed essere morto chissà quante volte – che si capisce il carattere ambivalente di questa produzione: da una parte il titolo può risultare molto frustrante, se non siete avvezzi al genere roguelike o se non sopportate l’idea della morte permanente (mai sentito parlare di Dead Cells?, ndr) e il conseguente dover ripartire da capo. Ma se invece, dentro di voi, avete sempre avuto lo spirito degli avventurieri e la voglia di esplorare l’ignoto, questo prodotto potrebbe essere davvero quello che fa per voi.

Sì perché in Below, il giocatore si fa piccolo piccolo rispetto alle dimensioni di un mondo di gioco imponente, verticale e particolarmente cupo. È tutto un gioco di luci e ombre, movimenti di telecamera automatici che mirano a tenerci sempre al centro dello schermo e che puntano l’attenzione sul nostro percorso, con sapienti sfocature graduali di tutto l’ambiente circostante. A sbarcare su quell’isola, come ci rivela la probabilmente troppo lunga sequenza introduttiva, non siamo né i primi né gli unici e ciò è molto importante ai fini di una comprensione più generale di quella che è l’esperienza di gioco proposta. Il gioco, come da tradizione del genere, non imbocca niente all’utente per cui scordatevi qualsiasi guida o tutorial iniziale oppure spiegazioni infinte su chi siete e dove andate; tutte le informazioni che si possono recepire in termini di contesto e caratterizzazione sono di tipo derivativo, basate su intuizioni o speculazioni del giocatore man mano che prende confidenza con il mondo che lo circonda.

È tutto alquanto criptico e misterioso, non c’è niente di certo e non c’è niente di vero per cui non ha molto senso dal nostro punto di vista parlare in questi termini di quello che è o di quello che potrebbe rappresentare l’avventura.

SOPRAVVIVI

L’ambivalenza di questo prodotto, come accennato all’inizio, esce fuori soprattuto se decidiamo di concentrarci su quelle che sono le meccaniche di gameplay. In particolare, si deve tenere ben in considerazione il fatto che il gioco sia basato sull’esplorazione e la sopravvivenza in livelli generati proceduralmente, e quindi sempre diversi tra loro. A ogni morte segue un nuovo inizio completamente diverso, facendoci ripartire da capo e svolgendosi in livelli piuttosto diversi da quelli dell’avventura precedente e di quella successiva.

Il gioco richiede non soltanto di esplorare e combattere contro gli oscuri nemici, ma anche di adoperarsi e provvedere al sostentamento del suo personaggio. Man mano che si prosegue nei livelli, si prende confidenza con i comandi non propriamente intuitivi e con il sistema di combattimento, arrivando ad alternare in maniera sapiente attacchi dalla distanza con arco o arpioni ai fendenti e alle parate ravvicinate con la spada e lo scudo.

Per potersi reggere in piedi e scattare da un punto all’altro della mappa, però, il protagonista ha bisogno di scorte di acqua e cibo, indispensabili per poter riprendere salute e sopravvivere. E nonostante si possa pensare il contrario, la gestione e la ricerca delle risorse rappresenta un grosso problema per chiunque si approcci a Below. Bastano davvero una decina di minuti per morire di fame e rinvenire oggetti commestibili o animali da sacrificare non è così scontato come si possa pensare. Da questo punto di vista, è bene saper padroneggiare il crafting degli oggetti ed essere previdenti, procedere senza sprecare niente, senza lasciare nulla per strada e cercando di subire meno colpi possibili.

Below
L’anima survival di Below è apprezzabile, ma forse eccessivamente marcata. Un aspetto che potrebbe allontanare molti giocatori meno avezzi a esperienze “hardcore”.

Purtroppo però, la scelta degli sviluppatori di dare così tanta importanza agli elementi survival finisce spesso e volentieri per trasformare o meglio, per piegare i giocatori a un altro approccio e stile nei confronti del gioco. Per cui è utile aguzzare la vista e adoperarsi alla ricerca di animaletti da sacrificare o altre fonti di sostentamento, senza dimenticare mai la possibilità di crafting. Per semplificare questo aspetto, è possibile utilizzare i falò sparsi nel gioco per condividere oggetti tra i vari personaggi, andando quindi a semplificarci la vita nella prossime partite ma costringendoci anche a un backtracking potenzialmente frustrante.

Esplorare va bene ed è molto utile ma dobbiamo tenere sempre presente l’esigenze del nostro piccolo personaggio altrimenti, in un attimo, finiremo morti per sempre.

GIUDIZIO
Below è un prodotto appassionante, che riesce a instillare una grande curiosità nel giocatore e a spingerlo a esplorare ogni angolo di questo mondo misterioso e oscuro sin dal primo istante di gioco. Purtroppo però, sopravvivere non è mai facile e nei livelli più avanzati si rende necessario un approccio più pragmatico, votato alla ricerca di cibo e acqua per il nostro sostentamento e meno libertà di esplorare come forse avremmo preferito fare. Se vi piacciono i roguelike e non temete la morte permanente, presente tra una partita e all'altra, vale assolutamente la pena dargli una chance.
GRAFICA7.5
SONORO7.5
LONGEVITÀ7
GAMEPLAY7
PRO
Mondo di gioco cupo e affascinante
Giochi di luci e ombre e sfocature deliziose
CONTRO
Sistema di controlli talvolta scomodo
Da rivedere l'impatto di alcune meccaniche sul gameplay
7.5
ACQUISTALO ONLINE!
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed