Turtle Beach Recon 70

Turtle Beach Recon 70 – Recensione

Abbiamo testato una delle ultime proposte di Turtle Beach in materia di cuffie da gioco.

Di rientro dall’E3 2019 abbiamo tirato le somme su tutte le novità di questa edizione della fiera di Los Angeles con anteprime e speciali dedicati al mondo videoludico. Tra i tanti approfondimenti vi abbiamo raccontato del nostro incontro con Turtle Beach e Roccat, due importanti aziende specializzate nella realizzazione di periferiche da gioco come cuffie e mouse. Durante la nostra permanenza presso il loro stand abbiamo visto in anteprima alcuni dei nuovi prodotti come gli headset Recon Spark e i mouse della serie Kain.

Oltre a queste due novità ci sono state mostrante anche le Ear Force Recon 70, un paio di cuffie da gaming che l’azienda americana ha lanciato sul mercato lo scorso 1 maggio. L’azienda ci ha così fornito una versione del suddetto modello per ciascuna piattaforma: ci siamo così impegnati a testarle tra una partita e l’altra di Apex Legends e durante le corse folli di Crash Team Racing: Nitro-Fueled. Dopo aver trascorso qualche settimana in compagnia delle Recon 70 di Turtle Beach siamo pronti a offrirvi un giudizio completo su queste cuffie, con tanto di unboxing che vi proponiamo a seguire.

DOTAZIONE E QUALITÀ COSTRUTTIVA

Il primo impatto con le Ear Force Recon 70 è positivo, a partire dalla realizzazione delle grafiche, dove frontalmente campeggia il modello e la colorazione delle cuffie mentre sul retro sono riportante le consuete caratteristiche dell’headset. Basilare la dotazione, composta unicamente dalle cuffie, un adesivo raffigurante il logo di Turtle Beach e una guida di utilizzo rapida. La struttura dell’headset è interamente realizzata in plastica, e converge su cuscinetti in pelle imbottiti che avvolgono i padiglioni, caratterizzati da un design circumaurale, garantendo un discreto isolamento dai rumori esterni. In quanto a traspirabilità, questi tendono a far sudare leggermente se la temperatura della stanza è alta, ma appunto è un fattore preventivato (e piuttosto comune tra gli inserti in pelle) se si usano le cuffie in periodi caldi. In circostanze normali, al contrario, la sudorazione è di gran lunga ridotta.

L’imbottitura interna dell’archetto di supporto, anch’essa realizzata in pelle, risulta abbastanza comoda anche se dopo sessioni di gioco prolungate tende ad applicare un po’ di pressione sulla testa. Ovviamente l’altezza delle cuffie è regolabile su ambo i lati e, nonostante la realizzazione in plastica, donano una sensazione di robustezza anche dopo averle indossate. Tra gli aspetti più positivi delle cuffie Recon 70 non possiamo che citare il loro design moderno e ideato per un pubblico giovane, anche considerando il prezzo entry-level di 34,99 euro. Non a caso l’headset di Turtle Beach è proposto in sei colorazioni differenti, che nella maggior parte dei casi richiamano i colori delle console come PS4, Xbox One e Switch, con abbinamenti cromatici che rendono questo modello molto accattivante.

Le Recon 70 si lasciano apprezzare per il design moderno e una buona qualità dei materiali.

SPECIFICHE TECNICHE E TEST

Pur senza eccellere, le Ear Force Recon 70 si sono dimostrate alquanto efficienti sotto l’aspetto delle prestazioni, tenendo chiaramente in considerazione che si tratta di uno dei modelli più economici del catalogo Turtle Beach. Gli speaker da 40mm con magneti al neodimio, inseriti in una struttura circumaurale, restituiscono un suono pulito e senza distorsioni, peccando leggermente in quanto a potenza ma offrendo un buon bilanciamento tra bassi e alti: oltre ad averle testate su PS4 e Xbox One le Recon 70 sono state utilizzate anche per l’ascolto di musica tramite smartphone e computer con una resa audio discretamente buona. Con il cavo non particolarmente lungo (1.20m) è possibile utilizzarle su una vasta gamma di dispositivi, tra cui Switch e PC, grazie al jack da 3.5mm che le rende oltremodo versatili per chi possiede differenti device.

Pulito e forte invece l’audio in uscita dal microfono flip-up che è possibile disattivare semplicemente posizionandolo in verticale, senza dubbio una comodità dal momento che elimina l’ingombro quando non è in uso. Sul lato destro trova spazio anche una ghiera per regolare il volume dell’audio in cuffia, mentre non sono presenti tasti che agiscono sul livello del microfono o regolano il mix audio della chat di sistema, che vanno quindi impostati direttamente dalle relative opzioni della console.

Abbiamo messo alla prova le Recon 70 di Turtle Beach su una serie di giochi come Apex Legends, Crash Team Racing: Nitro-Fueled e Bloodborne, testandone il comportamento su un range di titoli molto diversi tra loro. Con il battle royale di Respawn Entertainment, il rumore prodotto dei passi e degli spari in lontananza si riesce a distinguere in maniera chiara, aiutando il giocatore a individuarne la provenienza. Del recente reboot del kart game si riescono ad apprezzare soprattutto i numerosi effetti sonori e i motivetti di accompagnamento, pur non impressionando più di tanto.

Infine con l’esclusiva PS4 di From Software siamo rimasti colpiti in positivo dalla riproduzione musiche del gioco (merito anche di un comparto sonoro di prim’ordine), con una resa degli effetti meno coinvolgente rispetto a quella offerta invece da prodotti che presentano una qualità sonora migliore ma a un costo decisamente più alto. 

GIUDIZIO
Turtle Beach prova a imporsi nel segmento entry-level e lo fa puntando su un headset accattivante e pensato per un pubblico giovane, grazie anche a un’ampia scelta di colorazioni. Nel complesso le Ear Force Recon 70 offrono un buon compromesso tra qualità, design e prestazioni, in riferimento alla fascia di prezzo in cui si inseriscono, e particolarmente adatte per chi non ha grosse pretese in termini di quelle funzionalità aggiuntive inserite nei modelli di fascia superiore. Se siete dunque alla ricerca di un paio da cuffie da gaming funzionali senza voler spendere tanto, ma soprattutto che sia affidabile, le Ear Force Recon 70 di Turtle Beach sono una soluzione da tenere in considerazione anche in virtù di un prezzo, fissato a soli 34,99 euro, pensato per essere accessibile per tutte le tasche.
PRO
Buona resa audio in generale
Il microfono di tipo flip-up è davvero comodo
Ottimo rapporto qualità/prezzo...
CONTRO
...ma non aspettatevi caratteristiche avanzate
Il cavo è decisamente troppo corto
La struttura ad archetto tende a essere scomoda dopo un po'
7.7
ACQUISTALO SU AMAZON!
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed