Stando a un brevetto registrato presso l’ente U.S. Patent and Trademark Office, sembrerebbe che Microsoft sia intenzionata a combattere i giocatori che utilizzano cheat e altre forme scorrette su Xbox Live.

L’ente ha infatti reso noto un brevetto depositato dalla casa di Redmond lo scorso anno, in cui viene spiegato il funzionamento della sua IA su Xbox Live che apprende i dati di un giocatore non solo dagli Achievements che lo stesso ha raggiunto, ma anche dai risultati ottenuti in un gioco first-party o third-party.

L’intelligenza artificiale dovrà essere in grado di riconoscere eventuali anomalie sui risultati ottenuti dal giocatore confrontando il suo livello tra gli obiettivi sbloccati e risultati ottenuti a distanza di poco tempo. Nel caso in cui il sistema riscontrasse delle anomalie, il giocatore verrà segnalato rischiando punizioni che andranno da semplici richiami fino a ban permanenti da Xbox Live.

Al momento queste sono le prime informazioni trapelate nei giorni scorso, ma vi terremo aggiornati in caso di ulteriori approfondimenti sulla questione.