The Elder Scrolls: Legends - Le Casate di Morrowind

The Elder Scrolls: Legends, tutto ciò che c’è da sapere sull’espansione Le Casate di Morrowind

È finalmente arrivato da parte di Bethesda l’annuncio tanto atteso dai fan di The Elder Scrolls: Legends. Il 28 marzo arriverà infatti Le Casate di Morrowind, nuova collezione di oltre 140 carte direttamente provenienti dal mondo di Morrowind. Molte sono le novità che questa espansione introdurrà nel gioco, andiamo a scoprirle insieme.

The Elder Scrolls: Legends - Le Casate di Morrowind

UNA VENTATA DI FRESCHEZZA

La prima novità introdotta con l’espansione è la possibilità di costruire mazzi tricolore, discostandosi dunque dalla classica formula a due fazioni che aveva caratterizzato il gioco sin dalla beta. Per questa novità, sono state introdotte carte speciali utilizzabili solo in mazzi che portino tutti e tre i colori specificati nella carta. Un esempio lo vediamo con Dagoth Ur, la prima divinità presente in Legends.

Tutto ciò implementa di molto la possibilità dei giocatori di sperimentare nuove combinazione in una misura mai vista prima, ma a un prezzo. I mazzi tricolore devono infatti contenere obbligatoriamente un minimo di 75 carte, anziché le canoniche 50 a cui eravamo abituati prima. Per integrare al meglio questa nuova funzionalità dei tre attributi, Casate di Morrowind aumenta il numero massimo di carte per tutti i mazzi a 100, anziché 70. Si tratta di una mossa certamente coraggiosa, che metterà i giocatori a dura prova.

The Elder Scrolls: Legends - Le Casate di Morrowind

Un’altra importante novità che verrà introdotta il 28 marzo sono le casate, come d’altronde ci anticipa già il titolo dell’espansione. Si tratta di nuove abilità inserite sapientemente nel contesto storico di Morrowind. Scopriamole insieme:

ADUNATA

Casata Redoran (Forza, Volontà, Resistenza)

Le creature con questa abilità quando attaccano, forniscono +1/+1 a una creatura casuale nella nostra mano.

TRADIMENTO

Casata Telvanni (Intelligenza, Agilità, Resistenza)

Abilità tipica delle carte azione. Ci permette di sacrificare una creatura per giocare nuovamente l’azione in questione. Ovviamente non sarà possibile usare l’abilità tradimento più di una volta per ciascuna azione.

COMPLOTTO

Casata Hlaalu (Forza, Volontà, Agilità)

Le abilità Complotto si attivano solamente se abbiamo già giocato un’altra carta nello stesso turno. A prima vista può sembrare un’abilità difficile da sfruttare, ma in realtà è stata pensata appositamente per questi tre attributi degli Hlaalu (Forza, Volontà e Agilità), i quali dispongono di molte carte poco costose che ci aiuteranno a portare a termine la giocata nel migliore dei modi.

ESALTAZIONE

Tempio del Tribunale (Intelligenza, Volontà, Resistenza)

Esaltazione assegna un bonus a una creatura pagandolo con una maggiore quantità di magicka. Il costo di Esaltazione rende la creatura “Esaltata”, condizione importante quando le divinità compaiono in gioco.

POTERE, POTERE E POTERE!

Casata Dagoth (Forza, Intelligenza, Agilità)

La Casata Dagoth non ha nuove abilità. Ambisce solo a una cosa: il potere. Le carte di Dagoth, che hanno attributi di Forza, Intelligenza e Abilità, ti ricompensano se hai creature con almeno 5 punti di Attacco.

The Elder Scrolls: Legends - Le Casate di Morrowind

REAZIONI A CALDO

Sin dal primo minuto seguito all’annuncio della nuova espansione, tra i fan di TESL è esplosa l’eccitazione, e con essa le prime critiche a quello che da molti è definito come uno stravolgimento enorme del gioco. Ma è veramente così? Andiamo a scoprirlo.

Indubbiamente l’inserimento di cinque nuove abilità è qualcosa di estremamente importante, che porterà a uno stravolgimento del meta. In particolare, ciò che più preoccupa tra le nuove abilità svelate è quella della Casata Telvanni, Tradimento, in quanto si basa su delle azioni, quindi carte che almeno per il momento in TESL non possono essere contrastate in alcun modo, e che quindi se non calibrata in modo accurato rischia di essere una abilità in grado di creare combinazioni capaci di influenzare in maniera troppo pesante l’esito della partita.
Allo stesso modo anche l’abilità Complotto desta un po’ di preoccupazione, in quanto tende notevolmente a favorire i mazzi Aggro che già di per sé risultavano estremamente performanti, come testimonia l’andamento delle recenti stagioni competitive.

The Elder Scrolls: Legends - Le Casate di Morrowind

Ma la vera attrazione di questo annuncio è stata indubbiamente l’introduzione della possibilità di creare mazzi a tre colori, di cui Dagoth Ur è stato un po’ lo specchio per le allodole. Infatti i mazzi a tre colori, salvo sorprese, non saranno performanti come molti si aspettano, e la ragione di questo è da ricercarsi in una mera questione statistica. Per giocare un mazzo tricolore sarà necessario inserire come minimo 75 carte nel proprio mazzo, ben 25 in più rispetto a un mazzo standard! Per questo motivo le probabilità di pescare la carta giusta al momento giusto saranno più basse in un mazzo da 75 piuttosto che in uno da 50. Inoltre, se risulterà corretto quanto affermato in precedenza, vedremo un meta favorito dai mazzi Aggro, o comunque veloci, cosa che risulta ancora più accentuata in caso di disparità di carte nel mazzo, in cui vedremo ancora una volta favoriti i mazzi da 50 carte piuttosto che quelli da 75.

In conclusione potremmo trovarci di fronte a qualcosa di già visto. Come recentemente successo alla meccanica Assemblaggio che sembrava portare grossi sconvolgimenti nel gioco, mentre alla fine non è riuscita ad affermarsi come ci si sarebbe aspettati, allo stesso modo la meccanica tricolore potrebbe non essere esattamente come molti se la aspettano risultando lenta e macchinosa.

The Elder Scrolls: Legends - Le Casate di Morrowind

Se ci si sofferma un attimo ad analizzare la carta di Dagoth Ur, noteremo subito come essa sia estremamente forte, forse la carta più forte mai creata dopo Alduin, il cui destino sembra però già scritto. Per una carta tanto forte infatti occorre porre dei paletti che ne limitino l’influenza sulla partita. Così come per il Divoratore del Mondo i paletti erano determinati dal suo costo proibitivo e la stretta dipendenza dagli altri draghi, per Dagoth Ur i paletti sono un mazzo da 75 carte e il costo di 12 magicka non supportato da creature che ne aumentano il tetto massimo.

Volendo quindi rassicurare i fan più preoccupati dalla nuova espansione, alla luce di quanto detto finora, non credo che i nuovi mazzi tricolore siano da considerarsi un problema, o per lo meno non sono da considerarsi un fattore di stravolgimento del gioco che, almeno per ora, sembra rimanere orientato sugli stessi binari a cui siamo piacevolmente abituati.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed