Una delle notizie che ha fatto più discutere nell’ultimo periodo è sicuramente il rifiuto di Sony nell’abilitare il cross-play sulla versione PS4 di Rocket League, definendo questa possibilità troppo rischiosa per quanto riguarda il contatto dei propri utenti con quelli di altre piattaforme.

In una recente intervista a Engadget, Jeremy Dunham di Psyonix Studios ha affermato che almeno una persona dello studio è in contatto giornalmente con Sony sulla questione, ma al momento, la compagnia giapponese non sembra intenzionata a cambiare idea.

I ragazzi di Psyonix hanno confermato più volte che la funzione è stata già implementata nella versione PS4 del titolo, ma potranno effettivamente attivarla solo quando l’azienda di Tokyo concederà loro l’autorizzazione.

L’obiettivo della software house è quello di rendere il network del gioco un unico grande ambiente, concedendo così la possibilità a chi si occupa della realizzazione e della gestione del titolo di concentrarsi unicamente su un’unica infrastruttura, portando così monti benefici a livello di supporto e nuovi contenuti.

Ricordiamo che attualmente Rocket League offre la funzione cross-play su PC, Xbox One e, all’uscita, anche su Nintendo Switch. Rimanete con noi per conoscere maggiori dettagli sull’evolversi della vicenda.