Non c’è pace per No Man’s Sky. Il gioco di Hello Games, infatti, risulta essere al momento sotto investigazione da parte dell’Advertising Standards Authority.

Non è del tutto insolito per i publisher e le software house esagerare sulle promesse di contenuti da inserire nei loro prodotti, ma l’attenzione che si è guadagnato No Man’s Sky non ha eguali. Anche se molti giocatori hanno apprezzato il titolo sviluppato dalla software house indipendente capitanata da Sean Murray, è da ammettere che il gioco è stato presentato ai consumatori mancante di molti contenuti esaltati in fase di sviluppo.

La questione ora è in procinto di raggiungere nuovi livelli, con l’ente garante della pubblicità che ha deciso di investigare per pubblicità ingannevole No Man’s Sky, a seguito dei molti rimborsi concessi agli utenti, sia da parte di Steam che di Sony. Secondo un portavoce dell’autorità, che si è espresso ai microfoni di Eurogamer, se i supervisori convalideranno l’inchiesta, l’ASA potrebbe rimuovere eventuali inserzioni che violano il codice di condotta e multare pesantemente sia Hello Games che il publisher della versione PS4, ovvero Sony.

Al momento in cui scriviamo l’indagine da parte dell’ASA è ancora in corso, pertanto vi invitiamo a seguire tutti gli aggiornamenti che avremo nei prossimi giorni.