Tramite un tweet sul suo profilo ufficiale, Phil Harrison ha comunicato di essere entrato a tutti gli effetti a far parte del team di Google, nella veste di vicepresidente e general manager della compagnia di Mountain View.

Per chi non lo sapesse, Phil Harrison è una figura storica nel mercato videoludico: nel 1992, Harrison si unì alla divisione americana di Sony per lavorare alla crescita dei team third-party, fino a diventare presidente dei Sony Computer Entertainment Worldwide Studios nel 2005.

Dopo aver abbandonato l’azienda nipponica, Harrison passò alla corte di Atari, per cui lavorò in veste di director per due anni. Al termine di questa collaborazione e dopo una breve parentesi presso Gaikai, Harrison diventò il responsabile dell’Interactive Entertainment Team di Microsoft.

Il passaggio a Google dopo tre anni di stop (Harrison abbandonò Microsoft nel 2015, ndr) può significare il reale interesse di Google a entrare nell’industria videoludica, magari realizzando un nuovo team di sviluppo sotto la totale gestione di Harrison.

L’annuncio è stato accompagnato da vari messaggi di congratulazioni da parte di alcune figure di spicco come ad esempio Shawn Layden di Sony, ma anche Phil SpencerLarry Hryb di Microsoft, segno che i concorrenti possano aver ipotizzato un futuro del genere per la compagnia.

In attesa di scoprire maggiori informazioni sul possibile ingresso di Google nel mondo dei videogiochi, fateci sapere cosa pensate di questa scelta. Farebbe bene il colosso della Silicon Valley a immettersi nel settore del gaming e fare concorrenza ad altre aziende solide come Sony, Microsoft e Nintendo?

Commentate e dite la vostra!