Dopo un primo capitolo arrivato sul mercato all’alba di PS4 e Xbox One e il più recente capitolo incentrato sugli Avengers, il sodalizio tra Marvel e LEGO si rivela ancora più fruttuoso con l’arrivo di questo inaspettato sequel che promette, come da tradizione, diverse ore di divertimento per gli appassionati di tutte le età. Scopriamo cosa ci riserva questo LEGO Marvel Super Heroes 2, l’ultima fatica di TT Games.

LEGO Marvel Super Heroes 2

TANTI, TANTI, TANTI PERSONAGGI

Probabilmente per accontentare e raccogliere più appassionati dei supereroi possibili, gli sviluppatori hanno deciso di sfruttare al massimo la preziosa licenza Marvel inserendo questa volta un numero davvero incredibile e senza precedenti di personaggi giocabili e da sbloccare. Sicuramente una novità che abbiamo apprezzato anche perché, per il resto, la struttura del gioco è pressoché rimasta invariata rispetto al precedente capitolo. Anche per quanto riguarda lo schema dei comandi i cambiamenti sono veramente minimi se non assenti ma si sa, come in ogni capitolo della serie LEGO, i controlli sono generalmente sempre ben strutturati e intuitivi. Una cosa che è sempre mancata ai videogiochi dedicati agli eroi Marvel usciti finora era un po’ di caratterizzazione, spesso circoscritta a qualche dialogo o battuta di spirito. In questo episodio invece, alla stregua di come avviene nei giochi dedicati a Star Wars, Batman e così via, i ragazzi di TT Games hanno optato per strutturare il gioco interamente a tema fumettistico ricreando i menu e le interfacce in-game come parte di un fumetto, a partire dal font scelto, i colori e via dicendo. L’impressione di sfogliare i fumetti americani è sempre piacevolmente presente e questo non può che renderci più soddisfatti e giovare all’esperienza di gioco in termini di coinvolgimento.

Per quanto riguarda la trama affrontata nel corso delle ore invece, l’avventura inizia in medias res con un prologo piuttosto ispirato e divertente dedicato a I Guardiani della Galassia, una delle più importanti e attese new entry di questo capitolo, per poi proseguire con i classici personaggi dell’universo creato da Stan Lee nella residenza degli Avengers e arrivare più tardi all’hub centrale di gioco, che in questo capitolo prende il nome di Chronopolis e risulta essere un piccolo ma accattivante rifugio nello spazio tempo in cui confluiscono diverse realtà e scenari accessibili di pari passo con lo sviluppo della narrazione.

GIOCA CON ME

Un cast talmente ricco e variegato come questo non può che garantire un alto livello di intrattenimento per il giocatore, tuttavia c’è qualcosa nella struttura dei livelli e nell’approccio che inizia a subire il peso degli anni e sarebbe forse il caso di iniziare a rivedere un po’. Come in ogni titolo LEGO completare al 100% un livello non è mai facile pertanto spesso e volentieri, per raccogliere oggetti nascosti o bonus di ogni sorta, si rende necessario un nuovo approccio allo schema tramite la modalità Gioco Libero ovvero scegliendo manualmente i protagonisti che meglio si adattano a quella sezione (o che sono richiesti esplicitamente in qualche zona del livello, ndr). Vi basterà aver già giocato un titolo LEGO per capire bene o male quale approccio sia più adatto a ogni situazione in quanto l’idea di fondo è sempre la stessa: gli sviluppatori vi invitano a esplorare ogni anfratto in lungo e in largo, alla ricerca di zone nascoste o collezionabili e si procede come di consueto distruggendo qualsiasi cosa ci si pari davanti allo scopo di completare la barra in alto al centro.

Un problema piuttosto noto della serie riguarda la gestione della telecamera fissa e purtroppo, in alcune occasioni, anche in questo caso il titolo ripresenta problemi già noti. In particolare mentre utilizziamo un eroe in grado di volare, l’inquadratura viene mal gestita allontanandosi dal soggetto e rendendo difficile valutare il percorso da seguire, scovare eventuali oggetti nascosti o passaggi segreti. Il tutto unitamente poi a un level design un po’ sporco, ridondante, riempito spesso e volentieri di inutilità che rendono talvolta fastidioso l’approccio oppure confondono e disorientano il giocatore nel capire qual è la strada da percorrere.

LEGO Marvel Super Heroes 2

LA NUOVA GENERAZIONE

Citazionistico come non mai – e vorrei vedere vista la mole di possibilità offerta dagli eroi presenti, ndr – questo LEGO gode anche di un altro privilegio non da poco. Finalmente possiamo notare come, rispetto al primo capitolo ma anche al più recente LEGO Avengers, questo sia il primo vero titolo a godere di un comparto grafico e sonoro degno dell’ormai attuale generazione di console. Colori brillanti, texture luminose e pulite fanno sì che il gioco sia visivamente piacevole da guardare in ogni suo aspetto e momento. Nulla da dire circa il frame-rate che non varia mai in modo significativo e che certo non influisce in quella che è l’ottimo lato tecnico e l’esperienza che ne risulta per il giocatore.

Insomma, il progresso nella serie LEGO si conferma ancora una volta molto lento ma constante: alcune novità interessanti ci sono come le sfide multigiocatore che permettono di sfidarsi in mini giochi fino a un massimo di quattro giocatori ma nel complesso la struttura è rimasta immutata. Il gioco d’altra parte però difficilmente vi lascerà delusi o amareggiati gli utenti visto il carico di umorismo, citazioni e divertimento che ha in serbo.

LEGO Marvel Super Heroes 2
LEGO Marvel Super Heroes 2
GIUDIZIO
Come nella migliore tradizione LEGO, anche questo Marvel Super Heroes 2 si conferma in generale un gioco ricco e divertente, adatto per gli appassionati di tutte le età e che porta con sé, in questo caso più che mai, una miriade di personaggi su licenza intelligentemente adoperati e piacevolmente inseriti nell'avventura con un carico di umorismo e citazioni degno di nota.
GRAFICA7.5
SONORO7
LONGEVITÀ7.5
GAMEPLAY7.5
PRO
Personaggi giocabili per tutti i gusti
Comparto tecnico all'altezza delle nuove console
CONTRO
Level design talvolta confuso, da rivedere
7
ACQUISTALO SU AMAZON!