Overwatch: Baptiste

Overwatch: a tu per tu con Baptiste

Presentato ufficialmente il trentesimo eroe dello sparatutto targato Blizzard.

Disponibile nella regione di test pubblico dal 26 febbraio, Baptiste è il trentesimo personaggio del roster che va a rinforzare le fila degli eroi da supporto, ma non fatevi ingannare: il nuovo eroe ha un potenziale offensivo di tutto rispetto, che tornerà particolarmente utile in battaglia. Scopriamo dunque quali sono i punti di forza e le debolezze di Baptiste, il nuovo personaggio di Overwatch introdotto da Blizzard.

Overwatch: Baptiste

LA STORIA DI BAPTISTE

Jean-Baptiste Augustin è uno dei 30 milioni di orfani sopravvissuti durante la Crisi degli Omnic. Cresciuto in mezzo al dolore di Tortuga, nota cittadina haitiana, decise di arruolarsi nell’esercito, che vedeva come uno suo spiraglio di salvezza. La Coalizione Caraibica, una delle forze attive nell’area, divenne la sua nuova casa e col passare del tempo Baptiste si dimostrò un eccellente medico da campo, tanto da entrare a far parte dei reparti speciali della Coalizione.

Al termine del servizio militare, Baptiste non riuscì tuttavia a trovare un’organizzazione che gli permettesse di sfruttare le sue abilità, fino a quando non si unì al gruppo di mercenari Talon. Per la prima volta Baptiste ebbe un assaggio della bella vita: le missioni assegnate erano semplici e ben remunerative e ciò gli permise di mettere da parte una piccola fortuna che investì per edificare una clinica nella sua città natale. Gradualmente però, il lato oscuro di Talon si mostrò ai suoi occhi. Gli ordini ricevuti si inasprirono e Baptiste si ritrovò coinvolto più e più volte in stragi di innocenti. Disgustato da tutto questo, Baptiste decise di mollare il gruppo di mercenari, determinato a seguire nuove strade. Tuttavia Talon non rimase a guardare e inviò numerose unità per eliminarlo, tra cui quella in cui aveva servito Baptiste stesso. Dei pochi agenti che sono riusciti a rintracciarlo non sono più pervenute notizie.

Ora Baptiste lavora per un mondo migliore, aiutando il prossimo e combattendo quando ce n’è bisogno, consapevole del fatto che non si può cancellare il passato.

Overwatch: Baptiste

LE ABILITÀ DI BAPTISTE

In qualità di personaggio da supporto, le abilità di Baptiste si concentrano sulle cure e sulla sopravvivenza della propria squadra. La sua arma principale è il lanciagranate bionico, in grado di sparare raffiche precise da 3 colpi (75 di danno per ogni raffica) ma anche di lanciare delle granate curative capaci di ripristinare 60 punti vita (non ha effetto sul giocatore). Il caricatore è composto da 45 colpi normali e da 10 granate. In caso di ricarica vengono ripristinate tutte le munizioni.

La prima abilità peculiare di Baptiste è l’impulso rigenerativo, in grado di curare 150 punti vita a se stesso e agli alleati intorno a lui. Il tempo di recupero è di 15 secondi. La seconda abilità unica di questo eroe è campo d’immortalità. Questa abilità permette a Baptiste di schierare sul campo di battaglia un piccolo drone che protegge gli alleati dalla morte in una piccola area, lasciandoli con il 20% della loro salute massima. Il drone può essere distrutto oppure hackerato da Sombra tramite il suo EMP. Il campo di immortalità resta attivo per circa 7 secondi e ha un tempo di recupero di 20 secondi calcolati dal momento in cui il drone tocca terra. Baptiste ha inoltre un’abilità passiva, stivali potenziati, che gli permette di effettuare dei salti caricati per posizionarsi su alture altrimenti inaccessibili.

LA ULTIMATE DI BAPTISTE

Quando la situazione inizia a farsi spinosa, Baptiste schiera la Matrice di amplificazione, un campo di forza che raddoppia i danni e gli effetti dei proiettili curativi che vi passano attraverso. La dimensione della matrice è piuttosto ridotta, pertanto occorre posizionarla con precisione per utilizzarla al meglio. L’attivazione del campo richiede circa 1.5 secondi, ha una durata di circa 5 secondi ed è utilizzabile da entrambi i lati.

Overwatch: Baptiste

PROVA SU STRADA

Baptiste si rivela essere un eroe molto complicato da gestire per chi è alle prime armi con gli eroi da supporto: il potenziale offensivo dato dalla sua arma primaria gli garantisce un buon output di danno ma il giocatore dovrà fare l’abitudine con il sistema di mira.

Si tratta inoltre di un eroe che ha bisogno di stare molto vicino alla propria squadra, sia per proteggerla con il campo di immortalità – qualora la squadra avversaria decida di utilizzare una ultimate in grado di fare moltissimo danno in una determinata area (come l’Autodistruzione di D.va o la Spirale della Morte di Reaper), sia per curarla efficacemente con il lanciagranate bionico. Baptiste inoltre è un ottimo eroe con cui effettuare combo: grazie alla sua matrice di amplificazione, qualsiasi ultimate alleata basata su proiettili (come ad esempio il Visore tattico di Soldato-76 o la Scarica di piombo di McCree) è in grado di effettuare un danno enorme, ma può essere anche utilizzata in situazioni difensive, ad esempio quando bisogna aumentare le cure fornite alla propria squadra in caso di ingaggio da parte degli avversari.

Avete già messo mano a questo eroe? Fateci sapere nei commenti che ne pensate!

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed