Con l’arrivo dell’update 1.2.0 di Destiny 2, previsto contestualmente al lancio del DLC La Mente Bellica, le armi esotiche subiranno dei cambiamenti che le renderanno più interessanti da utilizzare, sia nel contesto PvE che in PvP.

Oltre alle modifiche che influenzeranno le singole armi esotiche ritenute meno performanti, Bungie ha studiato un nuovo sistema che allargherà il concept di arma Prodigiosa alle esotiche, aggiungendo a ciascuna un perk esclusivo confezionato appositamente da Bungie.

I CATALIZZATORI PRODIGIOSI

Per trasformare un’arma esotica in arma esotica Prodigiosa, sarà necessario un Catalizzatore Prodigioso per la rispettiva esotica. Ispezionando un’arma, potrete ottenere un indizio su quale attività fornirà il catalizzatore, e ogni esotica avrà un’attività e tasso di ottenimento differente per il rispettivo catalizzatore. Alcune prodigiose saranno fornite solo dopo uno specifico ammontare di partecipazione, mentre altre saranno totalmente casuali, per gli amanti del buon vecchio RNG.

Destiny 2

COME FUNZIONA

Nel caso di Cuore Gelido, il fucile laser ad arco, per ottenere il Catalizzatore Cuore Gelido dovrete mettervi alla prova negli “assalti contro i nemici più impegnativi“. Resta da stabilire si tratterà di Assalti Eroici oppure del più arduo Assalto Cala la Notte Settimanale.

Una volta che avrete finalmente ottenuto il Catalizzatore, dovrete completare una serie di sfide per attivarlo e tramutare finalmente l’arma esotica in Prodigiosa. Nel caso del succitato Cuore Gelido, l’obiettivo è di uccidere un tot di nemici (non ancora ufficializzato da Bungie), ma in molti altri casi potrebbero essere necessari due o più compiti al fine di completare la trasformazione. Una volta che avrete finito, l’arma potrebbe ottenere nuovi perk o un incremento nei valori base: nel caso di Cuore Gelido, la stabilità e la velocità di ricarica saranno notevolmente migliorate.

Destiny 2Lo scopo di Bungie è di aumentare il legame tra il giocatore e una particolare arma, così da spingere il Guardiano a investire del tempo per l’arma esotica a cui tengono particolarmente. Alcune esotiche prodigiose sono collegate ad attività o traguardi più difficili, e Bungie ha espressamente citato una o due esotiche prodigiose che daranno filo da torcere ai giocatori, chiamati ad affinare le loro abilità in specifiche attività per poter ottenere la versione esotica prodigiosa finale. Una di queste armi potrebbe essere la Leggenda di Acrius, che potrebbe richiedere il completamento di particolari compiti nell’incursione Il Leviatano prima di raggiungere la sua forma finale.

Ecco alcune precisazioni sul funzionamento delle esotiche prodigiose da parte di Bungie:

  • Gli incarichi delle armi esotiche prodigiose potranno essere svolti una volta per account, dunque non dovrete ripetere li processo per ogni personaggio.
  • Durante il processo prodigioso, i drop esotici duplicati ottenuti dagli engrammi, le pietre miliari, o anche la collezione delle esotiche saranno inizializzate secondo lo stato del prodigio della vostra arma.
  • Il processo delle esotiche prodigiose avviene tutto nella schermata dei dettagli dell’arma. Non vi sarà alcun obiettivo che occupa spazio nell’inventario, come ad esempio le quest per ottenere alcune esotiche.
  • Non tutte le esotiche prodigiose saranno disponibili all’inizio della Stagione 3. Se ispezionate le armi esotiche e l’alloggio del prodigio non è visibile, significa che il catalizzatore non è ancora disponibile.

Noi di VGN.it vi proporremo una serie di guide su come ottenere ciascuna versione prodigiosa delle esotiche già esistenti, con consigli e procedure per raggiungere la forma finale, analizzando nel frattempo i miglioramenti che la versione prodigiosa apporterà all’arma.

In attesa del lancio dell’update 1.2.0 e l’arrivo de La Mente Bellica, vi diamo una piccola anticipazione di alcune esotiche prodigiose: Scarlatta, il cannone portatile che ha raccolto l’eredità di Morte Rossa, otterrà una gittata di 100 una volta potenziata; Ala della Vigilanza, invece, guadagnerà la modalità fuoco automatico dopo la trasformazione in prodigiosa.