La Locanda di VGN #02 – Il mazzo Cubelock

Bentornati nella Locanda di VGN, la rubrica mensile interamente dedicata al mondo di Hearthstone in cui ci focalizziamo sui deck più forti del momento. Dopo il primo appuntamento dedicato al Murloc Paladino, peraltro ancora molto in voga e puntualmente giocato ad alti livelli, questo mese abbiamo deciso di spostare la nostra attenzione su un mazzo della classe Stregone.

Rispetto al primo episodio, il deck di questo mese ha uno stile di gioco completamente differente, è uno dei più costosi attualmente sulla piazza ma vanta alcune sinergie decisamente interessanti e peculiari. Vi presentiamo il Cubelock!

Hearthstone stregone

LA STRUTTURA DEL MAZZO

Come sempre, la prima fase che prendiamo in esame è quella relativa alla scelta delle trenta carte da inserire nel mazzo.

hearthstone rubrica 2

Aspetto più importante che mai in questo caso poiché poche carte sono fondamentali, diverse si possono sostituire ma scegliere i giusti rimpiazzi non è in alcun caso facile.

Innanzitutto dobbiamo avere ben chiara una strategia d’attacco per far sì che il nostro deck risulti vittorioso: uno degli elementi più importanti da tenere d’occhio è rappresentato dalla curva di mana, cioè il piccolo grafico che ci mostra il mazzo attraverso una suddivisione per costo delle carte presenti.

Come potete osservare dall’immagine qua di fianco, c’è una sorta di divisione tra le carte del mazzo con costo fino a quattro quindi per il controllo dei primi turni e l’altra metà – sopra il cinque – per dominare la seconda fase della partita. Un caso particolare è rappresentato da Principe Taldaram, l’unica carta a costo 3 appositamente inserita così da utilizzare il proprio Grido di Battaglia.

lista carte rubrica 2

Come regola generale, non sempre è necessario che il nostro mazzo possieda una curva equilibrata o omogenea tuttavia la presenza di carte con costo di mana sopra il cinque permette di avere un maggiore controllo del gioco negli ultimi turni decisivi della partita.

Qua di fianco potete osservare la lista completa: per un totale di 9480 polvere (cifra molto elevata, ndr) il nostro mazzo è principalmente composto da:

  • 8 carte di tipo Raro
  • 9 carte di tipo Epico
  • 3 carte di tipo Leggendario

Per quanto sia forte e prestante, un mazzo di questo tipo non è per niente facile da creare in quanto richiede eventualmente il crafting di molte carte costose e una conoscenza non scontata di tutte le espansioni più recenti, poiché i servitori e le magie inserite sono presi da tutte le espansioni fino alla più recente Coboldi & Catacombe.

Nonostante il costo sia già piuttosto elevato, ci sono comunque gli estremi per migliorare questa lista carte con alcuni ritocchi pensati per combattere al meglio gli altri deck in voga negli ultimi tempi.

Ad esempio, contro il proliferare dei mazzi Murloc o dei deck particolarmente aggressivi e pieni di servitori, si può pensare di sostituire Spira Letale con un secondo Vate della Rovina che può essere d’aiuto per tenere il campo libero ed evitare il sovraffollamento tipico di quei mazzi nel corso della partita.

Una carta a basso costo inserita in questa lista è Spezzamagie, servitore comune che potete sostituire con una leggendaria di peso quale Cantaspiriti Umbra in grado di entrare in perfetta sinergia col mazzo rendendo la combo del Cubo Carnivoro ancora più letale e rapida.

STRATEGIA E VITTORIA!

Giocare un mazzo del genere richiede molta attenzione e astuzia da parte del giocatore sin dalle prime fasi di gioco, questo perché all’inizio non riusciremo a essere molto incisivi e, nonostante tutta una serie di rimozioni presenti, dovremo scegliere con attenzione le mosse da compiere per innescare le combo migliori dopo il quinto turno.

In particolare, è di fondamentale importanza l’accoppiata Patto Tenebroso e Lacchè Posseduto che ci permette di reclutare servitori demoni dal nostro mazzo. Una mossa altrimenti valida al turno cinque può essere quella di giocare Teschio dei Man'ari che, nonostante utilizzi l’intero mana a disposizione in quel momento, può risultare decisiva qualora nella nostra mano ci siano carte come Demone Guardiano e Signore del Vuoto.

Da questo punto di vista, è di fondamentale importanza il mulligan all’inizio del match: trovarsi contro un deck Control giustifica il tenere in mano servitori come Gigante di Montagna mentre, sfidando un deck più rapido, è giusto pescare nuovamente alla ricerca di Signora delle Pozioni, Profanazione o Fuoco Infernale.

Oltre a dare il nome al mazzo, il Cubo Carnivoro ricopre ovviamente un ruolo di fondamentale importanza in quanto è l’unica carta in grado di valorizzare e sfruttare al meglio praticamente tutte le sinergie studiate per portare a casa la vittoria. Proprio per questo motivo è una carta che non deve essere mai giocata con leggerezza perché, così facendo, la partita potrebbe essere compromessa.

Se avete la fortuna di possedere Cantaspiriti Umbra (beati voi, ndr)  sappiate che potete velocizzare la combo classica e rimpiazzare così l’utilizzo di un Patto Tenebroso oppure utilizzando il Senzavolto Mutante potete andare a copiare il Cubo e raddoppiare così l’uso del suo Rantolo di Morte che lascerà il campo a ben quattro servitori anziché due.

Per non prendersi troppi rischi, spesso c’è la tendenza a distruggere in un modo o nell’altro il Cubo nel medesimo turno in cui entra in campo per evitare magie o servitori avversari in grado di silenziarlo e vanificare così la nostra combo.

Nelle ultime fasi del match invece, quando la partita si avvia verso la fine e il cimitero pullula di servitori e demoni distrutti, potete riprendere in mano la situazione o dare il colpo di grazia usando la Leggendaria Gul'dan il Razziasangue, una delle più popolari dell’espansione Cavalieri del Trono di Ghiaccio.

Inoltre, grazie al suo Potere Eroe chiamato “Aspirazione della Vita” potrete, al costo di due mana, infliggere 3 danni con furto vitale ai nemici. Insomma, proprio quello di cui potrete aver bisogno negli ultimi turni della partita.

CONSIGLIO FINALE

Non abbiate paura di utilizzare il Potere Eroe perché, per avere il controllo in ogni momento del campo di gioco, è necessario pescare e avere in mano le giuste carte. Non rischiate troppo contro i mazzi Aggro e ricordatevi che, con questa lista, recuperare punti vita difficilmente può rappresentare un problema.

Per comporre automaticamente il mazzo, copiate il seguente codice e create un nuovo deck su Hearthstone:

AAECAcn1AgaKAfIFxAiX0wKd4gLb6QIMkwT3BLYH4QfexALnywLy0AL40AKI0gKL4QL85QLo5wIA