Le fantastiche avventure di Captain Spirit
Versione testata: PS4

Le fantastiche avventure di Captain Spirit

Mettete un gelido sabato mattina, poco prima di Natale. La neve è appena caduta, tutto sembra fermo e silenzioso. Nel tepore della sua stanza, un quasi undicenne di nome Chris fa uso del suo potere più grande: la fantasia. Il limite tra realtà e soprannaturale si fa davvero sottile attraverso un pugno di matite colorate che scarabocchiano la bozza di un personaggio su un foglio di carta.

Così come ci è capitato tante volte da bambini di sognare di trasformarci in uno dei supereroi dei nostri fumetti, videogiochi o dei nostri cartoni preferiti, Chris disegna chi vuol diventare, per combattere contro gli alieni cattivi capitanati dal perfido Mantroid e salvare il mondo grazie all’aiuto del suo piccolo esercito di giocattoli e action figure: il telepata Captain Spirit.

Le fantastiche avventure di Captain Spirit

CASA DOLCE CASA?

Christopher Eriksen è un bambino di 10 anni, che vive col padre Charles a Beaver Creek, una sperduta cittadina dove i due si sono trasferiti dopo la scomparsa della madre. Chris, come il suo alter ego Captain Spirit, ha una fervida immaginazione e un innato talento per il disegno e le storie. In un giorno d’inverno, poco prima di uscire con il padre a comprare un albero di Natale, si troverà inaspettatamente a vivere delle avventure che, viste dall’occhio di un adulto, potrebbero sembrare semplici giochi infantili, ma che avranno invece dei risvolti davvero inaspettati. Improvvisamente, Beaver Creek non vi apparirà più così noiosa e ordinaria.

Già fin dalle prime battute di gioco, Le fantastiche avventure di Captain Spirit ha il potere di catapultarci ancora una volta nella magica atmosfera da déjà vu con cui Dontnod Entertainment aveva magistralmente condito il suo masterpiece Life is Strange. La differenza che salta subito all’occhio fin dal menu principale è che storia e comparto grafico siano più orientati verso l’universo dei primi scarabocchi infantili piuttosto che a un mondo adolescenziale in stile Polaroid (come quello di Max e della sua Arcadia Bay), ma il filo conduttore tra le due storie, dallo spiccato gusto pop anni ’80, è subito evidentissimo.

Chris è un personaggio che potrebbe avere il suo posto d’onore in un cult stile Goonies o in una serie di successo come Stranger Things per intenderci. Nella prima scena abbiamo già la possibilità di disegnare Captain Spirit a nostro piacimento attraverso una serie di scelte, ormai diventate il cliché vincente dei giochi del team francese. Ovviamente, questa non si limiterà a una pura customizzazione estetica, ma avrà risvolti differenti e interessanti nel corso dell’intera avventura.

Volete una dritta su come muovervi nel mondo di Chris? Siate più “bambini” possibile, abbattete gli schemi e pensate in maniera creativa. Non lasciate nulla di inesplorato, provate diverse combinazioni e leggete con attenzione tutto ciò che troverete durante l’esplorazione. Siate anche infantilmente ingenui o alle volte assillanti nei dialoghi. Chris, di volta in volta, disegnerà lo schizzo in bianco e nero di una delle tante missioni da compiere all’interno di un menu a forma di scrigno che troverete nell’angolo superiore a destra della schermata di gioco e che sarà consultabile tramite il Touchpad di DualShock 4.

Le fantastiche avventure di Captain Spirit

La storia ovviamente avrà una sua conclusione, probabilmente anche prima che riusciate a “colorare” tutti gli schizzi e quindi ultimare le missioni. Ma per premiare la vostra sete di scoperta, il team ha pensato bene di darvi la possibilità di riavviare l’avventura più volte, mantenendo i diversi salvataggi e riuscire, con un po’ di fortuna, a completare tutte le attività sbloccate. In questo modo, con buone probabilità, scoverete qualche interessante easter egg e la connessione tra Captain Spirit e Life is Strange 2, di cui questo gioco gratuito è a tutti gli effetti una demo mascherata da prologo.

Filo conduttore dei due giochi è dato in secondo luogo anche dal comparto sonoro: i brani ricalcano totalmente lo stile e l’incedere di Life is Strange e sembrano quasi delle bonus track del gioco. Forse ad alcuni questa scelta farà storcere un po’ il naso, specie nei punti in cui Chris potrà sedersi o stendersi e ascoltare un vecchio disco, contemplando il paesaggio o un soffitto come la nostra amica Max. Ma potrebbe anche essere una scelta giustificata probabilmente dal voler creare a tutti i costi questa profonda connessione e suggerire che al fondo di questo Captain Spirit c’è molto di più che Dontnod Entertainment vuole anticiparci su Life is Strange 2.

GIUDIZIO
Captain Spirit è un altro piccolo bagliore di commovente poesia che Dontnod Entertainment ha voluto donare ai suoi fan, dopo l'enorme successo di Life is Strange. Ancora una volta, il team francese affronta temi molto maturi e difficili, ma condendoli dell'ingenuità e della fantasia che solo il mondo dei bambini possiede.
GRAFICA7.5
SONORO7
LONGEVITÀ7.5
GAMEPLAY7.5
PRO
Graficamente più definito e coinvolgente di Life is Strange
Possibilità di riavviare la storia per completare le missioni rimanenti
Interfaccia molto semplice e intuitiva
CONTRO
Colonna sonora forse un po' ripetitiva
8
ACQUISTALO ONLINE