Fallout 4: Nuka-World

Fallout 4: Nuka-World

Eccoci qua. Finalmente siamo di fronte all’ultima, grande espansione di Fallout 4. Abbiamo atteso questo momento con gran fervore, specialmente dopo le delusioni derivate dal secondo ciclo di DLC, non all’altezza delle aspettative dei fan. Tuttavia, con questo immenso contenuto aggiuntivo, Bethesda ha voluto superarsi, battendo per dimensioni della mappa lo stesso Far Harbor, che ricordiamo essere ben più grande della nota Shivering Isles, espansione di The Elder Scrolls IV: Oblivion.

L’idea di sfruttare un parco a tema, in questo caso riguardante la famosa bibita Nuka-Cola, sarà sicuramente balenata in testa a qualcuno, e creare una sorta di Disneyland governato da predoni in continuo conflitto tra loro è un’idea geniale quanto basta per far godere a pieno questa storia. Ovviamente non mancheranno nuove feature e aggiunte alle armi e al crafting, e persino nuovi e temibili nemici, pronti a farci ricordare per sempre la nostra visita nel più bel parco divertimenti della Zona Contaminata.

Fallout 4: Nuka-World

BENVENUTI A NUKA-WORLD

Come in ogni nuova espansione di Fallout 4, il nostro caro Pip-Boy capterà un segnale che ci invita a dirigerci poco più a sud della Fattoria Abernathy. Una vocina squillante e che ricorda, guarda caso, quella di Topolino, avverte che la monorotaia che porta a Nuka-World è aperta ed è quindi possibile visitare il maestoso parco a tema. Si tratta di Cappy, la mascotte che insieme a Bottle, intrattiene i bambini e i genitori di tutta l’America durante il soggiorno. E così, dopo aver raggiunto la stazione di partenza e fatto fuori qualche Gunner impiccione, faremo la conoscenza di un povero padre di famiglia, Harvey, il quale ha abbandonato nelle mani dei predoni il figlio e la moglie. Questa missione di salvataggio, tuttavia risulta essere una bufala e scopriremo grazie a un certo Gage che “il trucco della famiglia rapita funziona ancora”.

Gage, predone all’apparenza amico, ci avvertirà che stiamo andando incontro al Duello Supremo, una cruenta sfida creata per il semplice gusto di veder morire i suoi partecipanti, tra una mina e un barile radioattivo. Superati tutti i trabocchetti e le trappole, fatte fuori le torrette e sopravvissuti al labirinto dei predoni, sarete finalmente liberi… di sfidare il GranCapo Colter. Onesto come una slot machine, questo personaggio sarà dotato di un’armatura atomica inedita e impossibile da scalfire a causa dell’elettricità che la circonda. Essendo la battaglia ambientato in un’arena per macchine da scontro, l’imponente protezione sarà collegata alla rete metallica elettrificata posta sul soffitto la quale fornirà continua energia. A questo punto rientrerà in scena Gage, che ha nascosto una pistola ad acqua nello spogliatoio che precede l’arena: infatti sparare acqua su Colter farà disattivare l’energia per un breve periodo, lasciandolo vulnerabile. Lo scontro non è per niente semplice, neanche a un livello 80, quindi siate sicuri di avere l’energia al massimo.

Una volta sconfitto, il nostro aiutante si rivolgerà verso il pubblico, acclamandoci nuovo GranCapo di Nuka-World e unico in grado di portare la pace tra le tre gang: gli Operatori, il Branco e i Discepoli. A quel punto, Gage ci inviterà all’esclusivo Fizztop Grille, abitazione del GranCapo con terrazzo sulla Nuka-Town.

UN PARCO PIENO DI SORPRESE

La cosa che ci ha fatto sicuramente piacere è la possibilità di intraprendere una vera e propria caccia al tesoro all’interno dell’immenso parco. Anzi, per la precisione, ben due. È consuetudine dei parchi tematici invitare a scoprirne i segreti, oppure a collezionare timbri o firme (a Disneyland è possibile farsi firmare un libro dalle decine di mascotte presenti). Perché, quindi, non fare lo stesso con Nuka-World? A questo proposito nasce la caccia alle medagliette, una quest facile e divertente che vi permetterà di esplorare l’intera zona. La missione è ottenibile parlando con la mascotte robotica dalla personalità doppia N.I.R.A., la quale si trova appena usciti dalla zona del Duello Supremo. Portandole tutte le medagliette, N.I.R.A. vi darà un premio speciale.

La seconda invece metterà alla prova le vostre capacità d’osservazione e di intuito. Mentre vi state dirigendo verso il vostro nuovo attico, noterete discutere con un predone una ragazza bionda che risponde al nome di Sierra Petrovita. Se non vi dice nulla, ascoltate bene: Sierra è la più grande fan di Nuka-Cola (a sentir lei) e fa la sua prima comparsa nella Zona Contaminata della Capitale, ovvero in Fallout 3. I nostalgici di certo la ricorderanno per la missione delle Nuka-Cola Quantum. Il suo compito è davvero particolare: scoprire quale era il premio che Bradberton, inventore della Nuka-Cola, aveva destinato ai bambini più curiosi un premio speciale nel caso in cui fossero riusciti a trovare tutti i Cappy nascosti nel parco. Grazie all’aiuto di speciali occhiali a forma di tappo, è possibile crittografare le mascotte poste sui muri. Una volta raccolti tutti gli indizi è possibile avere un codice che sbloccherà la mitica casa dell’inventore della bevanda e ottenere l’ambito premio. Diciamocelo, non ricorda per caso la stupenda ricerca ai tappi stellati di Sunset Sarsaparilla vista nello spin-off Fallout: New Vegas?

Fallout 4: Nuka-World

GUERRA TRA BANDE

E con New Vegas ci ricolleghiamo al sistema delle fazioni, che ci permette dei vantaggi con quelle amiche. Come abbiamo accennato poco sopra, la motivazione della nostra presenza a Nuka-World è la pace, o almeno il controllo totale su tutte e tre. Una delle prime missioni infatti consiste nel presentarsi ai capi delle bande e capire quali sono le loro intenzioni. Per farseli amici bisognerà necessariamente svolgere delle missioni per conto loro, oppure issare la bandiera di una delle fazioni in una zona liberata. Inoltre si potranno ritirare gli incassi sotto forma di munizioni, armi, armature e bevande e biglietti di Nuka-Cade. Scopriamo insieme le peculiarità principali di ciascuna fazione.

I Discepoli sono riconoscibili dalle maschere di ferro che ricoprono il loro volto. Il loro capo, Nisha, è una tipa fredda e distaccata, facilmente riconoscibile dall’elmo con due lamiere a lato. L’unico obiettivo di questa fazione è quello di vedere il sangue scorrere a fiumi, ma con discrezione. Sbirciando nei terminali e parlando con i membri è infatti possibile capire uccidere è importante, ma solo se è possibile occultare il cadavere, o fare in modo che nessuno lo sappia. Preferiscono coltelli e lame di qualsiasi tipo rispetto ai fucili e le loro missioni consistono nell’uccidere un bersaglio nel Commonwealth.

Il Branco è il gruppo più folle dei tre ed è caratterizzato da maschere e armi pitturate con vernici di qualsiasi colore. Sono molto attaccati agli animali, da come si evince dal nome, e all’interno della loro base, lo Zoo, è possibile trovare persino un gorilla. Il loro capo, Mason, ha un’indole aperta e cordiale e non vuole altro che avere un GranCapo determinato e capace di mantenere le promesse. Aiutarli significa raggiungere una squadra e catturare una creatura per mantenere vivo lo Zoo.

Ultimi, ma non meno importanti, sono gli Operatori. Nonostante siano predoni, tengono alla loro immagine e sono riconoscibili dalla cravatta ottenuta con materiali di scarto. Il loro obiettivo è di riportare all’antico splendore Nuka-World, ottenendo praticamente un’infinità di tappi. I fratelli Black sono a capo di questa gang e le loro missioni consteranno di far pagare un debito a chi li ha traditi con altri predoni. Ovviamente il debito è di vita e si può estinguere solo con un collare elettrico.

ESPLORANDO NUKA-WORLD

Ogni scenario di Nuka-World è incredibilmente dettagliato e a suo modo pericoloso. Da Dry Rock Gulch fino al Kiddie Kingdom, non troverete una creatura che nel migliore dei casi non voglia sbranarvi. Dai feroci Gatorclaw (una variante coccodrillo dei Deathclaw) fino ai Ghoul-Clown, due incubi al prezzo di uno, non potrete dire di essere al sicuro fino a quando non sarete fuori dall’area. Per capire come affrontare le differenti zone, a breve rilasceremo una guida al parco, dove descriveremo dettagliatamente ogni attrazione.

Il gioco inoltre include nuovissime armi e vestiti. Basti pensare ai diversi tipi di elmo del Branco o alle maschere dei Discepoli, per non parlare dei costumi esclusivi posti sui manichini (come la tuta spaziale di Nuka-Girl). A livello offensivo, fa la sua comparsa il fucile automatico, dalla forma di un classico AK-47, o armi esotiche come l’Idrofulminatore, una pistola ad acqua, e l’Acidificatore, una semplice pistola da paintball, ma caricata con acido. Non mancano anche aggiunte per gli insediamenti come le statue di Cappy e di Bottle per abbellire la propria dimora, oppure le bandiere per richiamare i predoni e occupare l’insediamento. La possibilità di controllare i predoni è una funzione che mancava davvero a un’esperienza ruolistica come quella di Fallout 4 e finalmente possiamo ritenerci completamente soddisfatti di un DLC targato Bethesda, pur con qualche problema sul versante tecnico: da segnalare, infatti, lo scorretto caricamento degli oggetti, che si ritrovano spesso fluttuanti, e dei PNG, spesso intenti a fare corse incredibili pur di raggiungere quella che è la loro postazione prestabilita. In secondo luogo va criticato il continuo e assillante problema degli attacchi agli insediamenti, che avremmo sperato con tutto il cuore fosse risolto con questa nuova patch. Si tratta di piccolezze che non gravano più di tanto sulla qualità, eccezionale, dell’ultima espansione di Fallout 4.

GIUDIZIO
E così Fallout 4 chiude il suo ciclo di contenuti aggiuntivi con un’espansione degna di questo nome. Così come era accaduto con Far Harbor, siamo tornati ai vecchi fasti con un minimo di storia e nuove possibilità. Sfruttare un parco a tema come possibile scenario e insediarci dei predoni assettati di sangue è stata una mossa brillante, supportata dall'ottima qualità dei contenuti proposti da Bethesda, pur con qualche difettuccio a livello tecnico.
GRAFICA7.5
SONORO8
LONGEVITÀ9.5
GAMEPLAY9
PRO
Nuova zona incredibile
Sistema delle fazioni intrigante
Grande presenza di missioni secondarie
CONTRO
Qualche difetto a livello tecnico
9