Continua il trend di Activision per fermare potenziali anticipazioni sui nuovi episodi di Call of Duty, con una mossa studiata insieme agli sviluppatori di Treyarch per prevenire l’annosa questione delle copie retail vendute sottobanco prima del lancio sul mercato.

Così, dopo il caso di Call of Duty: WW2, anche in Call of Duty: Black Ops 4 non sarà possibile avviare il gioco senza installare la patch day-one, che sarà disponibile verosimilmente poche ore prima del debutto. Ecco una foto pubblicata su Twitter da un giocatore, che ha potuto acquistare in anticipo una copia del gioco riscontrando suo malgrado l’impossibilità di avviare il gioco senza l’update.

Sebbene in Black Ops 4 non sia presente una tradizionale campagna single-player, aspetto che avrebbe in qualche modo giustificato la scelta di prevenire possibili spoiler sulla storia permettendo lo sblocco dei contenuti tramite un update gratuito, in questo caso la software house ha estromesso i giocatori aventi ottenuto in anticipo il gioco anche dall’uso della modalità cooperativa Zombies, che tecnicamente dovrebbe essere funzionante anche senza una connessione a Internet.

Per il resto, i giocatori saranno comunque costretti ad attendere l’apertura dei server per potersi confrontare con altri giocatori nelle varie modalità di Black Ops 4, che saranno giocabili rigorosamente ed esclusivamente online dopo la scelta di abbandonare la tradizionale formula di gioco e sostituire la campagna con Blackout, personale reinterpretazione del fenomeno battle royale.

Call of Duty: Black Ops 4 sarà disponibile dal 12 ottobre su PlayStation 4, Xbox One e PC, la cui versione sarà caratterizzata da alcune limitazioni artificiali nel frame-rate proprio nella modalità Blackout.