Durante un’intervista rilasciata a Wccftech, lo sceneggiatore di Twin Mirror Matthew Ritter e il narrative producer Hélène Henry hanno rivelato che alcuni livelli del gioco saranno caratterizzati da aree aperte, in cui i giocatori potranno esplorare e interagire con un’ampia varietà di personaggi.

“In alcuni livelli ci sarà la possibilità di esplorare la città e parlare con gli abitanti. Tuttavia non è un mondo aperto, ma un’occasione per avere delle relazioni e per interagire con persone che non vedi da molto tempo. Le scelte del giocatore possono inoltre avere un impatto sulle loro vite. Si può anche decidere di agire in solitaria, scegliendo quello che devi fare e quello che vuoi fare. Spetta al giocatore stabilire quanto voglia esplorare la città e tornare dalle persone che Sam (il protagonista) conosceva nel suo passato”

Queste storie secondarie possono essere giocate in un secondo momento e influenzare comunque la trama principale nel suo complesso. Ciò che vogliamo è raccontare una storia dove la città è il protagonista assoluto. Conoscendo le persone, quindi, si arriva a conoscere gran parte del gioco”

Vi ricordiamo che il primo episodio di Twin Mirror, Lost On Arrival, sarà disponibile a inizio 2019 su PC, Playstation 4 e Xbox One. Se siete curiosi di leggere la nostra anteprima del titolo dopo il provato alla Gamescom 2018, vi rimandiamo al seguente indirizzo.