Con l’E3 2018 ormai alle spalle, una delle notizie che ha maggiormente colpito i giocatori è stata l’acquisizione da parte di Microsoft di cinque studi di sviluppo, con l’obiettivo di ampliare sensibilmente il parco titoli first-party di Xbox e Windows 10.

Secondo quanto riportato da Gamingbolt, l’analista Michael Pachter è abbastanza sicuro che grazie ai nuovi studi la casa di Redmond possa in futuro lanciare una nuova console con una line-up abbastanza numerosa:

“Credo che l’acquisizione dei nuovi studi di sviluppo da parte di Microsoft possa servire a colmare la carenza di titoli first-party al lancio della prossima Xbox“, ha commentato Pachter. “Non so quanti di questi possano effettivamente realizzare dei titoli importanti, ma credo fermamente che la next-gen targata Microsoft possa offrire un’ottima line up al lancio“.

Lo stesso Pachter ha inoltre affermato che Microsoft potrebbe lanciare la nuova Xbox prima di PlayStation 5.

Sono sicuro che Microsoft intenda lanciare la sua prossima console per prima, e sono altrettanto sicuro che la nuova Xbox sarà retrocompatibile con il software di Xbox One“, continua l’analista. “Capisco che sia difficile da accettare per i possessori di Xbox One X, ma dovrebbero sapere che alla fine del ciclo vitale di una console (che dura quattro anni), ne arriva subito un’altra. La mia ipotesi è che Microsoft voglia lanciarla nel 2020, ma se dovessero avere il sentore che Sony possa lanciare PS5 nello stesso periodo, allora anticiperanno l’uscita della loro nuova console.”

Siete d’accordo con il pensiero di Pachter? Credete che il 2020 sia l’anno giusto per il lancio della nuova console da parte di Microsoft?