In un’intervista rilasciata a GameSpot, Chris Zimmerman, co-fondatore di Sucker Punch e programmatore di Ghost of Tsushima, ha parlato del nuovo titolo dagli autori di inFamous e in particolare della fedeltà storica.

Zimmerman si è infatti definito un grande appassionato di storia nipponica. A seguito della sua profonda dedizione, lo studio Sucker Punch ha condotto molti studi sull’ambientazione, addirittura andando a registrare dei suoni direttamente in Giappone.

Nonostante ciò, come peraltro vi abbiamo confidato nella nostra anteprima da Los Angeles, il co-fondatore del team ha comunque ammesso che si sono presi alcune libertà artistiche per rendere il gioco più appetibile.

Molte cose dell’immaginario comune sul Giappone del 13esimo secolo sono infatti riadattate per far sì che il gioco risultasse divertente e accattivante. Dall’armatura dei samurai al loro stile di combattimento con la katana, Zimmerman ha scelto di adattare determinati elementi andando incontro ai gusti della community, ritenendo che così facendo il gioco sarebbe stato più coinvolgente.

Ghost of Tsushima è atteso esclusivamente su PlayStation 4 ma non ha ancora una data d’uscita ufficiale. Restate sintonizzati per ulteriori aggiornamenti.