Dopo le indiscrezioni di ieri sulla prossima console di Sony, sulle pagine del Wall Street Journal arrivano nuove conferme sul ciclo vitale di PS4 e gli anni che ci separano dal debutto di PlayStation 5.

Il neo-presidente di Sony Interactive Entertainment Tsuyoshi Kodera avrebbe infatti parlato a un gruppo di giornalisti presenti in occasione della presentazione dei risultati finanziari dell’ultimo trimestre, confidando che Sony continuerà a puntare per altri tre anni su PlayStation 4 prima di lanciare una nuova console.

Ciò lascia intendere che mentre i lavori di sviluppo della nuova console proseguiranno nelle segrete stanze della casa giapponese, PS5 non uscirà verosimilmente prima del 2021.

Il presidente si è lasciato andare a interessanti considerazioni sull’importanza dell’infrastruttura PlayStation Network e del servizio in abbonamento PlayStation Plus, facendo ipotizzare un supporto ancora più vasto in futuro. Alcune testate internazionali hanno interpretato questo messaggio come una possibile apertura di Sony alla retrocompatibilità con i giochi PS4, ma le dichiarazioni ufficiali di Kodera non fanno sfortunatamente alcuna menzione a questa possibilità.

Ciò che stuzzica la fantasia dei fan PlayStation è il riferimento alla “rivale” Nintendo e al momento di grazia, che è dovuto in parte alla sempreverde console portatile 3DS, ma in particolar modo a Switch, la cui natura ibrida può ispirare Sony alla creazione di una nuova console portatile dopo la promettente ma sfortunata PlayStation Vita. Kodera parla infatti di una visione più ampia per la prossima PlayStation, sfruttando le potenzialità dei nuovi dispositivi perennemente connessi a internet.

Che si tratti di una nuova tecnologia legata al cloud gaming capace di riprodurre i titoli PlayStation (PS4 e PlayStation 5) ovunque vogliate? È ancora presto per scoprirlo, ma noi di VGN.it vi terremo aggiornati in caso di ulteriori sviluppi in merito.