Con un reveal a sorpresa, gli sviluppatori di Midwinter Entertainment hanno svelato il loro nuovo progetto, Scavengers, un nuovo sparatutto in terza persona che promette di innovare il genere con meccaniche molto interessanti.

Nonostante il nome risulti sconosciuto ai più, il team conosciuto con il nome di Midwinter Entertainment è composto da ex-veterani dell’industria videoludica, tra cui figurano anche membri di spicco che hanno lavorato a titoli del calibro di Halo, Battlefield e Call of Duty.

Il gioco includerà “meccaniche survival e co-opetition“, dove il termine co-opetition non è un errore di traduzione ma la fusione tra competition e cooperation. Stando alle parole degli sviluppatori, Scavengers vuole rendere più labile la linea sottile che passa tra la modalità competitiva e quella cooperativa, con partite che dureranno dai 30 ai 45 minuti e vedranno l’avanzare di tre fasi, ognuna della quali caratterizzata da un obiettivo ben preciso: una iniziale in cui costruire fortificazioni e barricate, una intermedia di crafting delle armi, e infine l’ultima fase in cui bisognerà proteggere tutto ciò che si è creato dagli attacchi ostili.

Il gioco sarà ambientato in un futuro post-apocalittico dove, a causa della collisione con un asteroide, la luna ha modificato il suo asse, provocando una nuova era glaciale sulla terra. Ci troveremo a impersonare uno degli otto teenager sopravvissuti, ognuno caratterizzato da una classe differente, in cerca di provviste e armi.

Allo stadio attuale dei lavori, Midwinter Entertainment non ha ancora rilasciato un trailer del gioco o maggiori informazioni, annunciando che Scavengers uscirà dapprima su PC e a seguire anche in versione console.