Con un lungo post pubblicato sul proprio sito ufficiale, Bungie ha parlato di ciò che ha causato il malcontento dei fan di Destiny 2 dopo il lancio dell’espansione La Maledizione di Osiride, disponibile esattamente da una settimana su PC e console.

Oltre ad aver spiegato le motivazioni che hanno spinto l’azienda a bloccare l’accesso ai contenuti e a riconoscere l’errore, gli sviluppatori hanno svelato che l’evento Contese di Fazione, previsto originariamente per il reset di oggi, è stato rimandato a data da destinarsi. Il motivo risiede nello stesso processo che ha portato attività come la modalità Autorevole del Cala la Notte o dell’incursione Il Leviatano a essere limitati ai soli possessori del DLC.

All’eventualità di un debutto odierno, infatti, l’evento sarebbe stato accessibile solo dagli utenti aventi acquistato La Maledizione di Osiride, aspetto che certamente avrebbe peggiorato la situazione e compromesso il rapporto di per sé già precario con la community.

Bungie punta a garantire l’accesso a eventi a tempo limitato come Stendardo di Ferro, Contesa di Fazione e la prossima Aurora a tutti i giocatori, per questo motivo l’evento odierno sarà rimandato per consentire a tutti i possessori del gioco base di avere accesso all’attività con le giuste ricompense. Le ricompense dello Stendardo di Ferro e della Contesa di Fazione arrivate con Destiny 2 rimarranno accessibili a tutti i giocatori, mentre le nuove ricompense stagionali introdotte ne La Maledizione di Osiride, come i nuovi decori per armature, richiederanno l’acquisto dell’espansione.

Destiny 2 è attualmente in manutenzione, e resterà inaccessibile fino alle ore 23:00 di oggi. Al termine, Bungie introdurrà una nuova patch che aggiungerà nell’ecosistema alcuni cambiamenti come le nuove armi prodigiose, che doneranno al gioco una componente d’imprevedibilità grazie alla reintroduzione di perk casuali.