No Man’s Sky ha avuto un impatto molto particolare sui giocatori. Le vendite, perlomeno nei primi giorni, sono stati altissime, anche in virtù delle grandi aspettative che il pubblico riponeva nel titolo di Hello Games.

Queste aspettative sono andate via via scemando, lasciando posto a un grande senso di delusione nell’aver acquistato un prodotto diverso da quello pubblicizzato, vuoto ma soprattutto senz’anima. Tutto questo con l’appoggio della stampa specializzata, che ha letteralmente distrutto il titolo di Hello Games (a parte in alcuni casi), contribuendo ulteriormente al suo affossamento.

Dopo settimane di silenzio, il designer del gioco Sean Murray sembra aver trovato il coraggio di raccontare in prima persona cosa ha condizionato in negativo lo sviluppo del gioco.

Tramite un video sul proprio canale YouTube, il giornalista canadese Geoff Keighley ha annunciato la possibile presenza del responsabile di Hello Games nella sua trasmissione, per snocciolare la vicenda e portare finalmente al pubblico un po’ di trasparenza.

Ovviamente non c’è ancora nulla di ufficiale, in ogni caso ne vedremo sicuramente delle belle dal momento che Keighley sembra essere dalla parte dei giocatori nel giudicare No Man’s Sky un prodotto incompleto, troppo costoso e non soddisfacente in termini di intrattenimento.