Il lancio di Destiny 2 non è andato liscio per tutti i giocatori: dopo la beta su PC e console, che aveva introdotto l’errore Moose per tutti i possessori di modem Technicolor (dunque anche buona parte degli utenti fibra TIM e Fastweb), la versione finale ha cambiato nomenclatura per questo errore con il nuovo nome in codice Cabbage, mantenendo gli stessi problemi della versione preliminare.

Infatti, a causa di motivi imprecisati dalla software house gli utenti in possesso di modem Technicolor faranno fatica a giocare, riscontrando difficoltà persino nel completamento della prima missione Ritorno a casa, con la Strega Ikora Rey che non comparirà nella posizione scriptata e renderà impossibile proseguire la storia. Se avete riscontrato l’errore Cabbage, abbiamo un paio di consigli per risolvere il problema.

Soluzione 1: Aprire le porte dedicate a Destiny 2

La prima è di aprire una serie di porte sul vostro modem/router che sono utilizzate da Bungie per l’architettura di rete di Destiny 2. Per farlo, avete bisogno dell’indirizzo di accesso al vostro modem (di solito 192.168.0.1 oppure 192.168.1.1) e delle credenziali (che potete trovare nel manuale d’uso).

Accedete alla sezione di sblocco delle porte (di solito chiamata Port Forwarding) e assegnate le seguenti porte a un indirizzo IP di vostra scelta (ad esempio, 192.168.1.15) che dovrete utilizzare sulla vostra PS4 o Xbox One tramite IP statico.

PS4

  • TCP: 1935, da 3478 a 3480
  • UDP: 3074, da 3478 a 3479

Xbox One

  • TCP: 3074
  • UDP: 88, 500, 1200, 3074, 3544, 4500

A questo punto, accedete alle impostazioni di rete della vostra console e personalizzate il tipo di connessione (va bene sia wireless che LAN), utilizzando lo stesso indirizzo IP per cui avete sbloccato le porte (nel nostro caso sarà dunque 192.168.1.15).

Verificate che la nuova modalità di connessione sia effettivamente funzionante e provate a riavviare Destiny 2: dovreste essere in grado di proseguire con la missione Ritorno a casa e non avere problemi nemmeno con quelle successive, in particolare le due consecutive AddioScintilla.

Soluzione 2: Ottenere il NAT 1 (PS4)

In alcuni casi, però, a causa di un mix tra provider e modem utilizzato, lo sblocco delle porte potrebbe non essere sufficiente a risolvere il problema. La soluzione, almeno su PS4, è quella di modulare la propria connessione alla rete utilizzando il protocollo PPPoE, così da ottenere il famigerato NAT 1 su PlayStation 4. Questo processo non è difficile da ottenere, ma richiede che la console sia connessa direttamente al modem originale (non funziona in caso di modem connesso a un router in cascata), a prescindere dal tipo di connettività utilizzato (LAN o Wi-Fi).

Per impostare il NAT 1 su PlayStation 4, vi basta seguire la nostra guida dedicata, mentre al momento siamo alla ricerca di una soluzione simile per risolvere il problema definitivamente anche su Xbox One.