In un’intervista presente sull’ultimo numero della rivista ufficiale PlayStation riportata da GamesRadar, Ashraf Ismail di Ubisoft ha confermato che in Assassin’s Creed Origins torneranno le tombe esplorabili, come già avvenuto in passato con Assassin’s Creed II.

Il creative director ha affermato che nel gioco saranno presenti varie tipologie di tombe, da quelle semplici fino a quelle molto più complesse, basate su un sistema di enigmi a difficoltà crescente. Inoltre, molte di esse sono state realizzate con una certa fedeltà rispetto a tombe realmente esistenti in Egitto, in modo tale da dare al gioco quel tocco in più di realismo.

Proprio per questo motivo, all’interno del titolo avremo la possibilità di esplorare alcuni degli edifici più famosi del periodo e scovarne i misteri, proprio come accaduto nella missione della Basilica di San Marco presente in Assassin’s Creed II.

Assassin’s Creed Origins sarà disponibile dal prossimo 27 ottobre su PC, PS4 e Xbox One.