Dopo la sontuosa presentazione avvenuta alla conferenza di Sony all’E3 2017, Bryan Intihar, creative director di Spider-Man, ha diffuso nuovi dettagli sul gioco in un’intervista concessa ai colleghi di Kotaku. Innanzitutto, Intihar ha confermato che i giocatori non avranno mai la possibilità di uccidere realmente qualcuno, ma la loro sconfitta sarà semplicemente basata sull’intrappolamento nella famosa ragnatela.

Successivamente Intihar si è focalizzato sull’intelligenza artificiale dei civili, che sarà molto credibile e li vedrà urlare e scappare in caso di pericolo immediato, come la scena dell’elicottero che precipita mostrata durante la demo di Los Angeles. È stato inoltre confermato che nel corso dell’avventura i giocatori interpreteranno anche un giovane Peter Parker, anche se non è ancora chiaro in quali sequenze avverrà questa alternanza tra supereroe e normale cittadino.

Infine, la software house ha svelato che il gioco sarà un gioco open-world single-player, con nessuna opzione per disputare partite multigiocatore. Tutto il gameplay si svilupperà principalmente in fasi di esplorazione unite alle sequenze di combattimento viste nel trailer, con un numero ridotto di Quick-Time Events, questo perché i ragazzi di Insomniac hanno intenzione di rendere l’esperienza ludica di forte stampo cinematografico, prendendo spunto dai pezzi da novanta del genere come Uncharted.

Spider-Man arriverà in esclusiva PlayStation 4 nel corso del 2018, restate con noi per ulteriori dettagli.