Dopo l’annuncio ufficiale degli scorsi giorni, gli sviluppatori di Sledgehammer Games hanno iniziato a rilasciare alcune dichiarazioni sulle principali novità di Call of Duty: WWII.

In particolare, ai microfoni di Polygon il co-fondatore della software house Glen Schofield, ha parlato di alcune modifiche sul sistema di gioco che interesserà principalmente la campagna dello shooter. Scofield ha rivelato che nella modalità single-player sarà rimossa la rigenerazione automatica della salute, portando le meccaniche di gioco a essere simili a quelle dei primi capitoli della serie in cui i giocatori erano costretti a ricercare medikit per recuperare salute.

Lo sviluppatore ha confermato che i giocatori non impersoneranno alcun tipo di “supereroe” resistente a quantità infinite di proiettili, e dovranno quindi essere in grado di modificare il loro stile di combattimento e preoccuparsi di ogni colpo subito per evitare di morire inesorabilmente.

Call of Duty: WWII sarà disponibile dal 3 novembre su PC, PS4 e Xbox One, e su Amazon.it sono già aperte le prenotazioni con spedizione gratuita e un piccolo sconto per i clienti Prime.