Star Wars Battlefront II – Provati gli assalti spaziali alla Milan Games Week 2017

In occasione dell’edizione 2017 di Milan Games Week, abbiamo avuto modo di provare con mano l’atteso Star Wars Battlefront II, secondo capitolo della saga sparatutto dedicata all’universo di Guerre Stellari. Sviluppato dai ragazzi di DICE e pubblicato da Electronic Arts, il nuovo capitolo promette di migliorare i difetti più evidenti del primo episodio, tra tutti l’assenza di una reale campagna nonostante di materiale da cui attingere ce ne sia fin troppo. Vi raccontiamo nel dettaglio com’è andata la nostra prova su PlayStation 4 Pro.

StarWarsBattlefront2

RITORNO AL PASSATO

In quel di Milano, ospitato all’interno dell’enorme padiglione PlayStation, si trovata un’area interamente dedicata all’ultima produzione DICE in arrivo tra poco più di un mese su PC e console. Dopo il test avvenuto all’E3 di Los Angeles, ho potuto testare personalmente una tra le modalità multiplayer più attese e chiacchierate dai fan di Star Wars: gli assalti spaziali. Dopo aver fatto appassionare importanti schiere di giocatori ai tempi di PS2 e PC, e dopo la cocente delusione per l’assenza di questi iconici scontri nel precedente episodio lanciato nel 2015, il team si è rimboccato le maniche e ha lavorato duramente per arricchire l’offerta ludica, stuzzicando i fan con uno sparatutto più curato, completo e variegato.

Armati di un Nacon Revolution Pro Controller e di PS4 Pro, ci siamo quindi immersi nel buio e nel silenzio dello spazio per una sfida emozionante in 12 vs 12. Nel nostro caso, abbiamo preso posto tra le fila di caccia dell’impero e siamo scesi in battaglia per sconfiggere l’insidiosa armata ribelle. Prima di cominciare l’offensiva, ma anche a ogni respawn successivo, era possibile selezionare il caccia da utilizzare tra tre opzioni, differenti principalmente per manovrabilità e potenza, proponendo come al solito una più agile, quella intermedia e una più corazzata.

Inizialmente siamo rimasti un po’ spiazzati dai comandi di gioco, dal momento che per controllare la navicella è necessario sfruttare entrambi gli analogici, un sistema che necessita di un po’ di pratica per essere padroneggiato al meglio. Pertanto dovrete abituarvi a controllare sia gli spostamenti del veicolo che la visuale, tenendo conto che la velocità è impressa automaticamente e può essere soltanto regolata e bilanciata con apposite manovre oppure esasperata utilizzando, se presente, una propulsione maggiore richiamabile con uno dei tasti su schermo. Con un sistema di mira che ricorda quello presente nei conflitti spaziali di No Man’s Sky, anche in questo caso si spara con il grilletto destro mentre quello sinistro può essere usato per restringere il mirino ed effettuare raffiche laser più precise. Un piccolo indicatore circolare posto più o meno vicino al nostro obiettivo indica dove colpire in base alle velocità che sono in gioco, alla distanza tra noi e il nemico e alla sua traiettoria.

Per evitare smodate o insensate raffiche di colpi oppure surriscaldamenti continui dei cannoni, gli sviluppatori hanno ben pensato di introdurre il fuoco amico facendo in modo così che i giocatori siano costretti a calibrare al meglio i propri colpi, donando di conseguenza precisione e attenzione al conflitto spaziale. La monotonia dei classici spari viene interrotta grazie ad alcune abilità speciali ricaricabili indicate in basso a destra – come il turbo per scattare o evitare colpi oppure i missili a ricerca per raggiungere anche i nemici più sfuggevoli – che sono poi utilizzabili premendo R1, L1 e L1+R1.

Star Wars Battlefront 2

GRAFICA E BILANCIAMENTO

Per quanto il bilanciamento dello scontro ci sia sembrato leggermente da rivedere (le navicelle più corazzate e meno agili dell’impero ci sono sembrate davvero troppo resistenti e distruttive rispetto agli Ala-X dei ribelli, ndr), l’effetto complessivo che ne deriva è decisamente interessante e unico. Il sogno di ogni amante di Guerre Stellari di combattere una battaglia spaziale credibile, fedele alle pellicole e adrenalinica può essere finalmente realizzato. Il divertimento e la potenziale coinvolgimento che offre una sessione di questo tipo, specie se giocata indossando delle buone cuffie, è realmente senza precedenti. Il comparto sonoro ci è sembrato impeccabile, caratterizzato da un’intelligente alternanza di silenzi e musiche, spari e il suono sordo delle esplosioni più o meno in lontananza. E poi chiude il cerchio un comparto grafico che per fluidità, dettaglio e pulizia dell’immagine vi lascerà sicuramente a bocca aperta.

Se siete interessati all’acquisto, sappiate che potete provare con mano il multiplayer dell’ultima produzione DICE grazie alla beta che sarà lanciata a partire dal 6 ottobre – due giorni prima per chi ha prenotato il titolo prima di ottobre, ndr – e che terminerà per tutti il prossimo 9 ottobre. Star Wars Battlefront II invece vi aspetta nei negozi a partire dal 17 novembre su PC, PS4 e Xbox One