Injustice 2 – Provata la versione PS4

A circa tre anni dall’uscita del primo capitolo e dopo la presentazione alla Gamescom 2016, abbiamo avuto la possibilità di provare in anteprima il nuovo capitolo della saga Injustice, picchiaduro sviluppato da NetherRealm Studios ispirato ai fumetti DC Comics. Ospiti di Warner Bros. Italia, abbiamo partecipato all’evento stampa di Injustice 2 tenutosi presso il Videogames Party di Milano, dove abbiamo potuto testare la release finale e alcune delle nuove funzionalità in vista dell’imminente debutto sul mercato europeo.

Injustice 2

ALLEANZE DISTRUTTE

Il sequel di Injustice prevede un roster di guerrieri più ampio rispetto al primo, che abbiamo potuto provare con mano scegliere tra 26 personaggi disponibili: oltre a Batman e Superman, abbiamo potuto testare le potenzialità di alcuni degli ultimi lottatori che sono stati svelati nelle scorse settimane, in attesa di scoprire quali saranno gli altri sei personaggi che si uniranno al roster sotto forma di DLC dopo Cappuccio Rosso, Starfire e Sub-Zero.

Seguendo gli eventi del primo capitolo, in Injustice 2 ogni personaggio avrà la propria storia e combatterà con le proprie motivazioni, con vere e proprie fazioni caratterizzate da alleanze improbabili (basti pensare al sodalizio tra Batman e Harley Quinn) rese necessarie dopo l’ascesa del regime totalitario di Superman del primo episodio. Dopo lo smembramento della Justice League in seguito allo scontro tra Batman e l’Ultimo Figlio di Krypton, eroi e villain dell’universo DC si scontreranno tra loro controllati da un’entità superiore, che mira alla conquista della Terra. Il giocatore potrà scegliere un personaggio e combattere per la sua causa, unendosi alla fazione. Superman potrà contare sul supporto di Robin, Wonder Woman, Cyborg e Black Adam, mentre Batman sarà supportato da Black Canary, Flash e Lanterna Verde per formare una coalizione di guerrieri che lottano per la libertà. Dialoghi unici caratterizzeranno gli scontri più epocali. Antiche nemesi usciranno dall’ombra per vendicarsi di coloro che li hanno imprigionati, in quella che si preannuncia una campagna davvero interessante che ci offrirà un nuovo punto di vista per i personaggi dei fumetti DC Comics.

L’IMPORTANZA DEL GEAR SYSTEM

La principale novità introdotta in questo nuovo capitolo prevede un Gear System molto articolato, che permette di customizzare totalmente il nostro eroe preferito. Questo garantirà, oltre ad un aspetto estetico personalizzato, la possibilità di potenziare e strutturare specifiche build basate sul classico sistema tipico dei GdR. Nel nostro caso parliamo dunque di Forza, Abilità, Difesa e Vita. Oltre a queste statistiche, alcuni pezzi possederanno abilità e move-set unici che, se combinati insieme ad altri pezzi dello stesso set, garantiranno al lottatore abilità sempre più potenti.

Come ogni gioco di ruolo che si rispetti, in Injustice 2 gli eroi potranno accumulare punti XP, garantendogli un avanzamento di ranking proprio. Ciò permetterà l’avanzamento delle statistiche sopracitate e la possibilità di indossare equipaggiamenti sempre più potenti. Completando le missioni principali, infatti, si otterrà una valuta in-game che permetta l’acquisto di forzieri contenenti nuovi equipaggiamenti. Come potrete immaginare, pezzi più potenti ed unici saranno più rari da trovare, a seconda del tipo: comuni (grigi), rari (blu) ed epici (gialli). La cosa interessante è che nel gioco non saranno presenti microtransazioni, quindi per ottenere i bauli dovremo rimboccarci le maniche e abbattere un avversario dopo l’altro. NetherRealm punta a premiare l’abilità, ma anche la costanza dei giocatori, offrendo la possibilità di ottenere i pezzi migliori semplicemente giocando.

Injustice 2

TRA MULTIVERSO, COALIZIONI E MOBILE

Altra grossa nuova funzione del capitolo è il Multiverso. Questa nuova modalità, estensione della storia pensata per i giocatori che cercano nuove sfide, ci vedrà impegnati in missioni caratterizzate da una serie di modificatori (sulla falsariga di Destiny) che muteranno periodicamente. Queste missioni sono suddivise in livelli di difficoltà, ci permetteranno di accumulare esperienza, valuta e addirittura bauli. Ogni Multiverso includerà dei modificatori che cambieranno il modo di giocare, aumentando il tasso di sfida e la bontà delle ricompense ottenibili al termine della partita. I Multiversi includeranno sfide orarie, giornaliere e settimanali che garantiranno equipaggiamento e abilità aggiuntive.

Inoltre, grazie al sistema delle Coalizioni, i giocatori potranno raggrupparsi in gilde, permettendo di combattere sotto un’unica bandiera, guadagnando così esperienza più velocemente e affrontando nuove sfide che offriranno ricompense esclusive su base giornaliera e settimanale. Le gilde saranno suddivise in base al livello medio dei giocatori appartenenti, garantendo dunque una classificazione mondiale. Questo ci porta a pensare che vedremo, sicuramente in futuro, competizioni tra le gilde più emergenti. Come se non bastasse sarà possibile giocare anche su mobile una versione semplificata di Injustice 2, con un sistema di controllo adattato agli schermi touch, che ci permetterà di accumulare punti XP anche sulla versione per console, sbloccando extra esclusivi non ottenibili diversamente.

PAD ALLA MANO

L’esperienza di gioco parte dalle basi del primo capitolo per offrire il picchiaduro definitivo per i fan dei fumetti, in particolare per quelli dell’universo DC. Centinaia di combo tutte diverse l’una dall’altra, combinate con altre abilità sbloccabili e gli extra offerti dagli equipaggiamenti, garantiscono senza ombra di dubbio un titolo molto completo nel suo genere. L’impressione è di un picchiaduro piacevole da giocare e piuttosto bilanciato a livello di personaggi, permettendo anche agli eroi e villain sulla carta più deboli di competere contro i mostri sacri grazie a combo e super mosse (il pezzo forte dell’esperienza di gioco) sempre coreografiche e belle da vedere. L’aggiunta di una ingente componente ruolistica rende Injustice 2 un prodotto unico nel suo genere, con una longevità che si preannuncia notevole anche per coloro non fossero propensi a mettersi alla prova nelle sfide multiplayer in rete.

Come nel primo episodio, le mappe sono ispirate ad alcune delle location più iconiche dei fumetti DC e includono diversi elementi con cui interagire per colpire l’avversario o per spostarsi attraverso altre aree tramite una serie di attacchi. Il feeling con il controller è buono, le combo sono articolate ma non impossibili da realizzare e il sistema di controllo si adatta sia ai neofiti che ai giocatori più navigati, permettendo sia di giocare per divertirsi che di padroneggiare al meglio le tecniche di ciascun personaggio per competere attraverso il neo-annunciato circuito eSports di Injustice 2 per PS4.

Injustice 2

L’appuntamento con la nostra recensione è previsto in prossimità del lancio di Injustice 2, in arrivo il 18 maggio su PlayStation 4 e Xbox One. Restate sintonizzati!